Oggi è il 16 gennaio. Poco meno di un mese fa, durante le feste, mi sono sentita chiedere per l’ennesima volta: “E tu, non sei ancora fidanzata?”. Tra poco più di un mese sarà San Valentino e anche quest’anno, salvo colpi di scena – ma ormai succedono solo negli action movie – lo passerò con la mia gatta Jise.

Per questi e qualche altro recondito motivo non sono rimasta stupita quando ho letto che nella prima parte di gennaio avviene il cosiddetto peak moment, il picco massimo di iscrizioni su siti e app di incontri. Li capisco, eccome. “Per le persone single le feste sono sinonimo di solitudine, questo li porta a una riflessione che, unita ai buoni propositi per il nuovo anno, li induce a cercare nuove relazioni, ad allargare i propri confini” mi conferma Maria Beatrice Toro, psicoterapeuta e scrittrice. Così, spinta dalla curiosità, ho fatto un sondaggio sui social: “Cosa ne pensate dei siti di incontri? Funzionano?”.

La maggior parte delle persone li considera ancora roba da sfigati, il piano B per chi non riesce a conoscere nel reale. Eppure, i dati dicono altro: secondo un articolo scientifico  dell’Università di Essex nel Regno Unito e dell’Università di Vienna in Austria, citato nella Mit Technology review, i partner che si incontrano online hanno più probabilità di essere compatibili di quelli che si incontrano face to face. Non solo. I matrimoni che nascono virtualmente sono più forti e durano più a lungo delle relazioni che iniziano nella vita reale: “La ricerca on line viene fatta privilegiando gli elementi più importanti per la durata di una relazione, ovvero: complicità intellettuale, capacità di parlare apertamente, valori condivisi e vengono meno caratteristiche come l’aspetto e l’attrazione puramente fisica” spiega la Toro. Altra cosa da considerare: le persone che si iscrivono a servizi di incontri possono essere più interessate a una relazione rispetto a persone che si incontrano casualmente e tra le quali nasce una storia.

Sicuramente ha i suoi aspetti negativi e ne parlerò più avanti, ma per ora mi cullo nella mia romantica conclusione: altro che sfigati o provoloni, il dating on line non è solo sesso ma è magia, intrigo, fascino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pornhub, il 2017 è stato ‘l’anno delle donne’ che consumano sempre più film hard: ecco cosa cercano

next
Articolo Successivo

Fertilità maschile, attenzione ad abusare di ibuprofene

next