Nel corso delle ultime settimane la campagna di comunicazione del ministro Carlo Calenda ha visto un intensificarsi di prese di posizione fatte direttamente online, nello specifico su Twitter dove il ministro è particolarmente attivo.

Questa strategia ha portato degli indubbi vantaggi in termini di visibilità e ha generato anche notevole interesse da parte del pubblico.

Vediamo qui a seguire il trend delle ricerche su Google per la parola “Carlo Calenda”.

E’ altrettanto interessante vedere però come questo trend sia identico a quello dell’attenzione per la sua vita privata, con ricerche piuttosto estese che Google riassume in queste parole chiave, dove si evince che le principali attenzioni ricevute riguardano proprio gli aspetti più personali.

Lo stesso grafico infatti mettendo a paragone la ricerca “Carlo Calenda” con “Carlo Calenda moglie” in rosso e “Carlo Calenda Ilva” (prendendo una parola chiave che dovrebbe essere importante nel dibattito nazionale) in giallo evidenzia un andamento costante con i picchi di popolarità.

Ovviamente questo discorso non è vero solo per l’Italia, lo stesso si può dire guardando le correlate di Theresa May ad esempio.

Un personaggio pubblico deve aspettarsi questo tipo di atteggiamento, ma resta molto curioso evidenziare come alcuni specifici argomenti (nello specifico il binomio marito-moglie) siano le prime domande che si fanno le persone al crescere della tua popolarità.

Insomma, fotografando i dati che ci condivide Google, chi se ne frega cosa pensa Carlo Calenda dell’Ilva, diteci chi è sua moglie.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chi ha paura di Orietta Berti?

next
Articolo Successivo

I social network sono una grande occasione. Se se ne fa buon uso

next