Le dichiarazioni di Attilio Fontana? A uno che fa una dichiarazione del genere bisognerebbe chiedere di ritirare subito la candidatura”. Così, ai microfoni di Ho Scelto Cusano (Radio Cusano Campus), Onorio Rosati, candidato di Liberi e Uguali per la presidenza della Regione Lombardia, commenta le frasi del leghista Attilio Fontana. “Il centrodestra ha presentato questo nuovo candidato – continua – facendolo passare per moderato, ma le prime uscite che ha fatto sono intrise del peggior razzismo leghista. Sono dichiarazioni molto gravi che vanno condannate. E’ impensabile che un personaggio simile, proprio per le sue idee, possa diventare governatore della Regione Lombardia”. Rosati spiega il motivo per cui Liberi e Uguali ha scelto di allearsi col Pd nel Lazio e non in Lombardia: “C’è sicuramente un problema di biografia. Non è possibile paragonare la biografia di Zingaretti con quella di Gori, che, ad esempio, ha sostenuto il referendum per l’autonomia indetto da Maroni. Poi c’è anche un problema legato al programma. Noi di Liberi e Uguali pensiamo che per sconfiggere la destra in Lombardia ci voglia un programma radicalmente alternativo a quello realizzato in questi 23 anni dal centrodestra. Quelle del Pd in Lombardia, per tanti versi, sono proposte in continuità con quelle della giunta uscente di centrodestra”. Poi espone il suo programma e si pronuncia sul M5S: “Tra noi e loro ci sono enormi distanze su molti temi, come l’immigrazione. Il M5S votò anche a favore del referendum leghista per l’autonomia della regione. Su altri aspetti invece potrebbero esserci delle convergenze, come il tema del lavoro. Ha fatto bene Grasso a non chiudere la porta ad un confronto. Io non sono per demonizzare il M5S, sono favorevole al confronto