Era stato condannato nel 2005 a 60 anni di carcere per l’uccisione nel 1964 di tre militanti per i diritti civili, James Chaney, Andrew Goodman e Michael Schwerner. Uno dei più efferati omicidi a sfondo razziale in America vicenda che nel 1988 ispirò il film Mississippi Burning- Le radici dell’odio, interpretato da Gene Hackman e Willem Dafoe e premiato con sette Oscar.

Edgar Ray Killen, ex capo del Ku Klux Klan, è morto venerdì notte in un carcere del Mississippi. Ex predicatore battista, Killen aveva 80 anni al momento della condanna e dopo la lettura del verdetto, che coincise con il 41/mo anniversario del triplice omicidio, fu portato via in sedia a rotelle.

L’ex KKK aveva organizzato il pestaggio e l’uccisione dei tre attivisti, impegnati nella campagna che intendeva estendere il diritto di voto ai neri negli stati del Sud in un momento in cui il tema divideva le coscienze e infiammava gli animi istillando l’odio di razza. I tre ragazzi, due bianchi e un nero, erano impegnati in una campagna per registrare nuovi elettori in aree rurali del paese dove i discendenti degli schiavi non avevano mai votato. Vennero intercettati dagli “incappucciati”, pestati di santa ragione e uccisi a colpi di pistola. I loro cadaveri vennero fatti scomparire: furono ritrovati dopo 44 giorni di ricerche, sepolti sotto un monticello di terra sul ciglio di una strada.

Killen era già stato processato una prima volta nel 1967 per reati legati alla vicenda, ma era stato assolto. Goodman, Chaney e Schwerner erano stati uccisi poco dopo essere stati arrestati e poi rilasciati dalla polizia. Gli agenti erano a quanto pare d’accordo con i membri del Klan.

Riaperta anni dopo che il triplice omicidio era rimasto impunito, l’inchiesta dell’Fbi che portò alla condanna di Killen permise di scrivere l’ultimo capitolo della drammatica storia. Killen è morto a un mese dal suo 93esimo compleanno. Era l’ultimo incappucciato rimasto in un carcere del Mississippi per un delitto risalente agli anni degli scontri per i diritti civili. Un altro membro del Ku Klux Klan, Thomas Blanton, che quest’anno compie 80 anni, resta in prigione in Alabama per l’attentato del 1963 a una chiesa nera di Birmingham in cui morirono quattro bambine.