Un 21enne di origini egiziane già noto alle forze dell’ordine e senza fissa dimora, è stato arrestato per due furti con strappo di smartphone commessi nel Centro Direzionale a Napoli ai danni di due donne. Le guardie giurate in servizio al Centro Direzionale, mentre tenevano d’occhio le telecamere di sorveglianza, hanno assistito in diretta a uno dei due furti vedendo il 21enne strappare il cellulare di mano a una donna che camminava tra le torri mentre era a telefono. La telecamera ha immortalato anche, a pochi centimetri da loro, un mendicante, verosimilmente nordafricano, che aveva teso il berretto per chiedere la carità proprio nel momento in cui lo scippatore aveva allungato la mano per razziare lo smartphone e, quando ha realizzato cosa fosse appena successo, ha rincorso il ladro tentando di fermarlo.  Il giovane è poi fuggito giù per le scale mobili che portano in un parcheggio sparendo dalla vista delle telecamere. Le guardie giurate nel frattempo però avevano allertato il 112, così una pattuglia dei carabinieri del radiomobile di Napoli ha ricevuto l’allarme individuando il soggetto nei dintorni del Centro, arrestandolo. Dagli accertamenti effettuati è emerso inoltre che il giorno prima, sempre al Centro Direzionale, un’altra donna era rimasta vittima di un furto con modalità identiche. Una 53enne di Torre del Greco, di passaggio nel Centro in compagnia della figlia per alcune commissioni, si era vista strappare il cellulare di mano da un giovane straniero. I militari allora hanno contattato la donna che ha riconosciuto lo scippatore. Il 21enne è stato portato in carcere dopo le formalità, ma continuano gli accertamenti perché non si esclude che abbia commesso ulteriori furti con modalità simili e sempre nella zona

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Emanuela Orlandi compie 50 anni. Il Vaticano sa che fine ha fatto?

prev
Articolo Successivo

Napoli, 15enne pestato da un branco di minorenni senza un motivo: asportata la milza. Questore: “Violenza assurda”

next