Nuovo blitz anti-abusivi da parte di Casapound a Ostia. Dopo il raid della scorsa estate contro gli ambulanti sulle spiagge del litorale romano, questa volta i militanti di estrema destra hanno preso di mira i mercatini abusivi gestiti da alcuni nomadi. “Ma dove prendete questa roba? Anche i tablet…”, chiedono loro alcuni attivisti mentre intimano agli abusivi di raccogliere la merce e andare via. A rilanciare l’iniziativa sul web è stato Luca Marsella, primo consigliere municipale con il simbolo della tartaruga frecciata. “Sono anni – spiega – che questa situazione di degrado va avanti nell’indifferenza delle istituzioni. Oltre alle cianfrusaglie che i rom rimediano dal rovistaggio dei cassonetti dell’ immondizia, tra il materiale venduto abusivamente ci sono anche generi alimentari di dubbia provenienza e computer ed altri oggetti che molto probabilmente rappresentano refurtive di furti. Ho presentato una mozione in Municipio da oltre un mese, ma il M5S preferisce parlare in aula dei cestini degli uffici”. Lo scorso luglio alcuni militanti di Casapound si presentarono sulle spiagge di Ostia, con tanto di fratini marchiati con il simbolo del movimento di estrema destra, per “cacciare” gli ambulanti stranieri fra gli ombrelloni

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Atac Roma, il piano industriale lacrime e sangue al vaglio dei giudici fallimentari: lo scoglio è il costo del lavoro

next
Articolo Successivo

Roma, arrestato per furto con scasso: al Tiburtino III guidava le proteste anti-migranti con Forza Nuova e CasaPound

next