Il giudice per le indagini preliminari, Gilberto Casari, ha archiviato l’inchiesta per tentata concussione continuata nei confronti del sindaco di MantovaMattia Palazzi. A chiedere l’archiviazione era stata la procura. È stato lo stesso primo cittadino a darne notizia con un post sulla sua pagina facebook. “Pochi minuti fa – scrive Palazzi – i miei avvocati mi hanno avvisato che il Gip presso il Tribunale di Mantova ha disposto l’archiviazione del procedimento, nei miei confronti, per tentata concussione continuata. Gli accertamenti svolti dalla procura hanno fatto emergere che ‘il contenuto dei messaggi, in relazione del quale si è ipotizzata la commissione del delitto de quo, non è riconducibile all’indagato, bensì alla stessa Nizzoli, la quale ha operato deliberatamente alcune fuorvianti alterazioni”.

Il 21 dicembre scorso infatti Elisa Nizzoli aveva ammesso davanti ai magistrati di aver modificato il messaggio che le aveva indirizzato Palazzi e che la procura di Mantova aveva assunto come prova chiave per accusarlo di tentata concussione continuata (favori sessuali per non ostacolare l’attività dell’associazione culturale di cui all’epoca la Nizzoli era vicepresidente). Di fronte alla confessione della donna, il procuratore capo ha chiesto al gip l’archiviazione dell’accusa di tentata concussione nei confronti di Palazzi e accusato, a sua volta, la Nizzoli di false informazioni al pm rese nel corso del primo interrogatorio. Poche ore prima dell’archiviazione dell’inchiesta, dunque,  l’avvocato Davide Pini, legale di Nizzoli aveva rinunciato all’ incarico. “Si è creata una frattura insanabile con la mia cliente – ha spiegato Pini – Io volevo fare opposizione alla richiesta di archiviazione avanzata dalla procura di Mantova, mentre la Nizzoli no”. E alla fine, in effetti, l’inchiesta si è chiusa. Palazzi, però, resta indagato abuso d’ufficio per i contributi erogati dal Comune a varie associazioni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tap, la Procura di Lecce riapre l’inchiesta dopo l’esposto di otto sindaci salentini: ‘Unico gasdotto con Snam, leggi aggirate’

prev
Articolo Successivo

Consip, il 19 febbraio processo disciplinare per pm Woodcock e Carrano

next