I pm di Roma hanno chiesto il rinvio a giudizio per Roberto Spada, l‘ex pugile arrestato dopo l’aggressione al giornalista Daniele Piervincenzi e al cameraman Edoardo Anselmi del programma Rai “Nemo”. Spada è accusato di lesioni e violenza privata aggravate dall’utilizzo del “metodo mafioso e dai futili motivi insieme a Ruben Nelson Alvez del Puerto, il 29enne uruguaiano identificato in un secondo momento e presente durante l’intervista. I fatti risalgono al 7 novembre scorso, quando i giornalisti Rai sono andati a Ostia per intervistare Spada. Dopo una domanda su Casapound, l’ex pugile ha sferrato una testata a Piervincenzi e subito dopo, insieme al 29enne, ha inseguito i due armato, secondo i magistrati, anche di un “manganello”. L’udienza davanti al gup Maria Paola Tomaselli è fissata per il 23 gennaio.

La testata sferrata da Spada ha causato a Piervincenzi la rottura del setto nasale. Arrestato pochi giorni dopo l’aggressione, davanti al gip Anna Maria Fattori, l’esponente dell’omonimo clan ha detto di esser stato provocato e ha aggiunto che il giornalista, dentro la palestra, avrebbe fatto riferimento alla “separazione del fratello in quanto maltrattava la moglie”. Per i pm della Dda, Giovanni Musarò e Ilaria Calò, si tratta di una “condotta idonea ad esercitare sui soggetti passivi quella particolare coartazione e quella conseguente intimidazione propria delle organizzazioni mafiose“. I due si trovano nelle carceri di massima sicurezza di Tolmezzo (Spada) e di Nuoro (del Puerto).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Roberto Maroni, addio al Pirellone: un seggio al Senato lo proteggerà dalla legge Severino in caso di condanna

next