Dibattito animato a Otto e Mezzo (La7) sulla ‘tv del dolore’ e sui programmi di approfondimento di cronaca nera nei canali mainstream italiani. A commento delle osservazioni critiche con Barbara D’Urso, pronunciate dal filosofo della Comunicazione, Carmine Castoro, interviene il giornalista Massimo Bernardini, che dissente dalla tesi di Carlo Freccero, secondo cui certa televisione è espressione di una “americanizzazione della notizia”: “Perché, nonostante le critiche filosofiche e le autoregolamentazioni, questo tipo di trasmissioni è vincente su tutti i palinsesti? E questo non è un fenomeno tanto americano”. Esplode uno scambio vivace di opinioni tra Bernardini e Freccero, che ribadisce il suo assunto e menziona Fox Crime. Il conduttore di Tv Talk ribatte: “La tv americana non dedica così tanto spazio alla tv del dolore sui canali generalisti. Vuoi paragonare Fox Crime con Rai Uno? A me basterebbe che la Rai si autoregolamentasse in altro modo”. Freccero cita Rai Tre e rende omaggio a Lio Beghin, storico autore della trasmissione Chi l’ha visto: “Lui perimetrava e dava un contesto a un fatto di cronaca nera e riusciva a dimostrare che nel corpo sociale c’era qualcosa che non funzionava. La lezione di Beghin è il miglior vaccino per inquadrare il fatto di cronaca“. Concordano Castoro e Bernardini, che aggiunge: “Si parte, cioè, dalla contraddizione per leggere la società. Però, purtroppo, non ci sono più i Beghin nella televisione italiana“. Nel finale, il tema affrontato è la politica italiana, per la quale la conduttrice Lilli Gruber auspica una più massiccia presenza femminile. Freccero coglie la palla al balzo e fa lo spoiler della prossima stagione della serie televisiva americana, ‘House of Cards’. Poi si pronuncia sulla sospensione comminata all’attore Kevin Spacey, travolto dallo scandalo sulle molestie sessuali: “E’ stato un errore clamoroso e colossale cacciarlo, una superficialità davvero stupida, innanzitutto perché nella seconda stagione lui aveva esperienze omosessuali e in secondo luogo, siccome è molto laido, in qualche modo nella serie era se stesso“. “E’ caccia alle streghe“, commenta Bernardini. Ma Lilli Gruber lo rimbrotta: “No, no. Non esageriamo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tv, filosofo Castoro: “Barbara D’Urso? Mi fa più paura dell’Isis”. Freccero: “Fa americanizzazione della notizia”

next
Articolo Successivo

PresaDiretta, al via la nuova stagione. Iacona: “Dalle piste ciclabili di Roma al precariato, ecco cosa approfondiremo”

next