Alle aste di auto c’è sempre qualche sorpresa. Come quella accaduta in Svizzera, dove una Volvo 262C del 1981 è stata venduta alla cifra astronomica di 212.800 franchi ovvero oltre 180 mila euro. Contro un valore normale che, a seconda di chilometraggio e condizioni generali, oscilla tra i 5 e i 25 mila euro.

A renderla così speciale è stata la mano “artigiana” di Bertone che l’ha realizzata, ma soprattutto il primo proprietario: il geniale e compianto cantautore (ma anche attore e appassionato di auto e moto) David Bowie, scomparso nel 2016. Il cui vero nome, David Robert Jones, campeggia in bella vista sul libretto di circolazione. Ragione per cui questa Volvo è diventata un oggetto molto ambito.

La Volvo 262C in questione è, nondimeno, uno dei 6.622 esemplari prodotti, la maggior parte dei quali sono finiti oltreoceano, negli Stati Uniti. Dove la si volle mettere in concorrenza con la Cadillac Eldorado. Era spinta da un motore V6 2.7 da 155 cavalli della gamma PRV (Peugeot Renault Volvo), e venne prodotta in Italia nello stabilimento di Grugliasco. Dopo essere stata “rivisitata” dalla matita, per l’appunto, di Bertone.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mercato auto, in Italia sfiorati i due milioni di immatricolazioni nel 2017

prev
Articolo Successivo

CES 2018, si apre la fiera delle “vanità” high-tech. Con l’auto in prima fila – FOTO

next