Un corriere di 56 anni, Agatino Zuccaro, è morto dopo esser stato aggredito da tre cani durante una consegna in un agriturismo a Portopalo di Capo Passero, in provincia di Siracusa. Saranno i rilievi e l’autopsia a stabilire le cause del decesso: l’uomo presentava evidenti segni di morsi su un polpaccio e sulle braccia, ma non in punti vitali. Secondo alcuni testimoni, il fattorino soffriva di patologie cardiache e non si esclude che, alla vista dei cani, l’uomo sia stato colto da malore. In attesa dello sviluppo delle indagini, gli animali sono stati affidati a un canile di Siracusa. Il proprietario dell’agriturismo “Tenuta Walter” è indagato per omicidio colposo.

Lo conferma il capo della Procura di Siracusa, Francesco Paolo Giordano, che coordina le indagini. Un atto dovuto anche in base alla norma del codice civile sull’obbligo dei proprietari di animali ad essere responsabili dei danni procurati dai propri animali. Il proprietario risulta l’unico indagato e domani potrà nominare i suoi consulenti per partecipare all’autopsia che sarà effettuata sul corpo di Zuccaro nella camera mortuaria del cimitero di Pachino dal medico legale, Giuseppe Caldarella.

Secondo quanto ricostruito fino a questo momento dai carabinieri, l’uomo aveva parcheggiato il furgone e poi si era avviato a piedi all’interno della proprietà privata, per consegnare un pacco. Qui è stato accerchiato dai cani dei destinatari della consegna, tutti e tre di razza corso. Dopo alcune ore, i proprietari della struttura, al cui interno si trovava la destinataria della consegna, hanno notato il furgone con il portellone aperto e, non trovando nessuno all’interno, hanno allertato i carabinieri. Le ricerche del fattorino sono proseguite per diverse ore in tutta l’area circostante, fino quando è stato individuato il corpo ormai senza vita dell’uomo: era vicino a un albero con il pacco da consegnare a poca distanza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Venezia, furto di gioielli da una teca della mostra a Palazzo Ducale. Bottino da quantificare

prev
Articolo Successivo

Savona, trovato il corpo di Alessia Puppo: era scomparsa in mare a Capodanno

next