Apple ha chiesto ufficialmente scusa ai suoi clienti per la vicenda degli iPhone rallentati a causa della batteria invecchiata. E per farsi perdonare ha annunciato il taglio dei prezzi delle batterie fuori garanzia: cambiarla costerà 29 euro anziché 89. In una lettera pubblicata sul proprio sito, l’azienda di Cupertino ha fatto sapere che a partire da gennaio e per tutto il 2018, Apple darà il via alla campagna di sostituzione delle batterie, che interesserà i modelli di iPhone dal 6 in poi: quindi iPhone 6, 6s e 7. E anche chi l’avesse già cambiata a prezzo pieno potrà chiedere il rimborso alla Mela presentandosi in negozio.

“Sappiamo che alcuni di voi si sono sentiti delusi da Apple. Vi chiediamo scusa. Per rispondere alle preoccupazioni dei nostri clienti, ma anche per riconoscere la loro lealtà e riguadagnare la fiducia di quanti hanno dubitato delle nostre intenzioni, abbiamo preso queste decisioni” scrivono da Cupertino. “Apple ridurrà di € 60 il costo della sostituzione di una batteria fuori garanzia – annuncia l’azienda-, portandolo da € 89 a € 29, per chiunque abbia un iPhone 6 o successivo la cui batteria debba essere sostituita. Questo sarà valido in tutto il mondo fino a dicembre 2018. Maggiori dettagli saranno comunicati al più presto su apple.com/it”.

Come fare a stabilire se è il caso di cambiare o meno la batteria del proprio iPhone? Ancora non è dato sapersi, ma a breve sarà rilasciato un aggiornamento del sistema operativo iOS con una funzione che permetterà di monitorare lo “stato di salute” della propria batteria. “Questo permetterà agli utenti di controllare le condizioni della batteria del proprio iPhone e capire se stanno causando un peggioramento delle prestazioni” spiega Apple.  La sostituzione a prezzo scontato sarà disponibile per tutti gli utenti, indipendentemente dal fatto che la batteria dell’iPhone superi il test diagnostico al Genius Bar degli Apple Store sull’effettiva funzionalità.

Una mossa che arriva dopo polemiche e annunci di cause legali intentate dai consumatori contro la casa del Melafonino. Nei giorni scorsi, sul portale Reddit.it alcuni utenti avevano sollevato la questione relativa a rallentamenti inspiegabili dell’iPhone. Dopo alcuni test, era emerso che a perdere prestazioni erano gli smartphone con batterie più vecchie e meno performanti. Alla luce dei risultati postati dagli utenti, Apple aveva ammesso di aver inserito in iOS una funzione che rallenta i telefoni, impostando una differente gestione energetica in presenza di una batteria non più ottimale. Secondo i clienti, oggi riuniti in alcune class action negli Stati Uniti, questa mossa avrebbe spinto molti utenti a sostituire non il componente invecchiato, bensì lo smartphone con uno nuovo.