Siamo davvero il Paese dei peggiori? Un sondaggio Demos di Ilvo Diamanti per Repubblica denuncia l’Italia “in grigio”, un popolo che fa fatica a riconoscere un leader, un programma davvero convincente, una possibilità che il voto del 4 marzo cambi in meglio le cose. E reca con sé la convinzione che se la politica ci deluderà, anche la nostra vita non ci farà gioire. Quale sarà? E come sarà?

E’ la realtà che ci spaventa. E’ il passato che continua a rincorrerci e il futuro che continua a metterci ansia. Avremmo bisogno invece di rimboccarci le maniche, di essere finalmente ottimisti, di credere che è possibile non solo fare, ma cambiare. Aver fiducia nel nostro talento, nei meriti di ciascuno, nella disponibilità ad accogliere il nuovo che ci aspetta. Si può fare? Verrebbe voglia di dire che sì, è giusto guardare l’orizzonte e andargli incontro. Poi però viene da pensare che da qui al 4 marzo saremo bombardati dalla richiesta di esprimere un “voto utile”, cioè confermare il meno peggio perché di meglio in giro non ce n’è. Ecco, è questa richiesta così mediocre, e in fondo anche così disonesta, a farci disperare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5s e la cravatta come programma – L’istantanea di Antonello Caporale

prev
Articolo Successivo

Le due signore di Modena e la strada per la felicità – L’istantanea di Caporale

next