Il riscaldamento globale non esiste, lo ripete spesso. Per il presidente degli Stati Uniti Donald Trump la riprova è l’ondata di gelo che sta investendo la costa est degli Stati Uniti e che secondo le previsioni meteo porterà temperature polari per la vigilia di Capodanno (con punte di -40 nel Minnesota e di -20 a Detroit nel Michigan). Da sempre scettico sui cambiamenti climatici, Trump ha commentato così su Twitter l’emergenza freddo: “Potremmo usare un po’ di quel buon vecchio riscaldamento globale che il nostro Paese, e non altri, stanno pagando migliaia di miliardi di dollari per proteggerci. Coprirsi bene!“. Per il presidente americano il surriscaldamento climatico è un’invenzione della Cina. A giugno il capo della Casa Bianca ritirato gli Stati Uniti, unica nazione al mondo, dagli accordi di Parigi sul clima.

Così tocca ai democratici americani replicare in prima battuta al loro presidente: è un tweet che sembra scritto “da un bambino che odia l’ora di scienze” dicono. Ad aprire il fuoco delle critiche è stata la senatrice Elizabeth Warren che, ricordando che gli Stati Uniti, in qualità di uno dei principali inquinatori del pianeta, ha “l’obbligo morale” di combattere i cambiamenti climatici, ha ribadito la sua fede della scienza che il presidente, come tanti conservatori americani, mette in discussione. “E’ imbarazzante, è chiaro che i fatti non la interessano, ma c’è un nuovo rapporto sul clima della sua amministrazione che afferma che i cambiamenti climatici sono provocati da fattori umani”, è stata la replica, sempre via Twitter, sarcastica del senatore Sheldon Whitehouse che, insieme a Kamala Harris, esorta città e stati ad agire di fronte l’inazione dell’amministrazione. “La meteorologia non è la stessa cosa del clima, un presidente dovrebbe essere in grado di capirlo, non è difficile”, le ha fatto eco Pramila Jayapal. Fino all’affondo politico: “O Donald Trump non capisce la scienza che spiega i cambiamenti climatici, o sta intenzionalmente ingannando il popolo americano”, twitta il deputato Ted Lieu.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gasdotto Snam, la sindaca di Sulmona a Palazzo Chigi: “Il governo ‘congela’ la delibera sulla centrale”

next
Articolo Successivo

Ilva, Emiliano e il sindaco di Taranto: “Senza modifica del decreto sul piano ambientale non ritiriamo il ricorso al Tar”

next