Era stata eletta al posto di Mirello Crisafulli, cancellato dalle liste del Pd perché considerato “impresentabile“. Poi in Parlamento si era fatta segnalare per un singolare precedente: era stata una dei sei esponenti del Pd a votare contro l’arresto di Francantonio Genovese. Adesso lascia il partito di Matteo Renzi per aderire a Liberi e Uguali, la nuova formazione di sinistra guidata da Pietro Grasso. Un’adesione che farà discutere quella di Maria Greco. Soprattutto in Sicilia, dove la deputata è sindaca del comune di Agira, in provinci di Enna.

Ed è proprio nella città al centro dell’isola che sono arrivati i parlamentari di Mdp, Arturo Scotto e Angelo Capodicasa per intervenire alla conferenza stampa dell’ormai ex esponente del Pd. “È una scelta molto significativa -dice Scotto- di una deputata e amministratrice che sceglie di lasciare il Pd per aderire al progetto di una sinistra moderna e inclusiva. Abbiamo l’ambizione in Sicilia e in tutto il Mezzogiorno di rappresentare quella parte di società che ha pagato di più il prezzo della crisi, quei tanti giovani che sono costretti a emigrare perché il lavoro non c’è o è precario”. “Scelgo di lasciare il Pd perché ha tradito gli ideali della mia gioventù, credo nel progetto di Grasso perché mette al centro i territori e mi riporta all’origine del mio impegno politico”, dice invece Greco.

Considerata da sempre vicinissima a Crisafulli, il barone rosso del Pd siciliano, escluso dalle liste per le politiche del 2013 perché bollato come “impresentabile” dal comitato dai garanti dem. A prendere il suo posto, proprio Greco. Che il 15 maggio del 2014 aveva violato gli ordini di partito votanto contro la richiesta d’arresto per Genovese, insieme a soli altri 5 colleghi del Pd (Maria Amato, Giuseppe Fioroni, Tommaso Ginoble, Gero Grassi, e Maria Tindara Gullo). Una posizione evidentemente maturata in Sicilia. Come pure in Sicilia è maturata la scelta di uscire dal Pd e aderire alla formazione di Grasso. Secondo la stampa locale, infatti, nei giorni scorsi Greco è volata a Roma per “trattare” l’entrata in Liberi e Uguali. Ad accompagnarla proprio da Crisafulli: l’ex impresentabile del Pd ha cambiato partito.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sondaggi politici, Pd per la prima volta sotto il 23 per cento. M5s cresce ancora e punta al 30

prev
Articolo Successivo

Ilva, Emiliano insiste: “Non ritiro il ricorso al Tar”. E Arcelor ora chiede modifiche al contratto

next