“L’oltraggio ad un pubblico ufficiale o ad un componente delle forze dell’ordine, ivi compresi i vigili urbani è un reato. Legittimamente il reato va estinto con le pene previste dal codice penale e giustamente sono previste anche le scuse a chi subisce oltraggio e all’ente o corpo di appartenenza. Detto ciò le procedure supplementari applicate dal Corpo della polizia Municipale di Roma a chi commette oltraggio verso gli agenti sembrano più una estorsione di scuse e somigliano alle dichiarazione estorte ai prigionieri dell’Isis”. Lo afferma in una nota il consigliere comunale del Pd, Marco Palumbo.

“Mi domando perché a Roma non sono sufficienti le disposizioni dell’art. 341bis del Codice Penale – dice – ovvero la riparazione del danno e le scuse scritte a risarcimento della persona offesa e dell’ente di appartenenza, ma si debba applicare una sorta gogna mediatica supplementare. Una messa alla berlina umiliante che prevede la lettura di scuse da veicolare attraverso Youtube, Megavideo, My Space, Google Video e che dovrà avere una durata non inferiore a trenta secondi così come da disposizioni del comando del Corpo della Polizia Municipale di Roma. Chiedo al comandante Diego Porta di rivedere al più presto una pratica che richiama al medioevo attraverso l’uso di strumenti informatici”, conclude Palumbo.

Presto le video-scuse sul web ai vigili urbani di Roma potrebbero essere solo un vecchio ricordo. La sindaca Virginia Raggi, dopo aver ricevuto una relazione degli uffici competenti, ha spiegato che il Campidoglio “interverrà su questa procedura voluta e applicata dalla precedente amministrazione: tale prassi fu introdotta dall’ex comandante della Polizia Locale, Raffaele Clemente”. In sostanza, spiega la sindaca, “rivedremo la prassi che obbliga alla pubblicazione di video-scuse ai vigili in caso di oltraggio”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trapani, fa prostituire una 13enne in un ovile: arrestato un allevatore

prev
Articolo Successivo

Scontro treni Andria-Corato, commissione d’inchiesta: “Diversa organizzazione della sicurezza avrebbe evitato il disastro”

next