È “indipendente”, ha solo “gentilmente sollecitato i tempi della risposta, non la sostanza della risposta”, perché “domandare è lecito” e soprattutto “Renzi non sapeva nulla”. Marco Carrai racconta la sua verità sulla mail inviata a Federico Ghizzoni per sollecitare una risposta sul dossier Etruria e svelata dallo stesso ex ad di Unicredit durante l’audizione in commissione Banche. “La mia reazione fu di pensare chi poteva avere chiesto un sollecito da parte del dottor Carrai – spiegava il banchiere – Esclusi che fosse stata la banca. L’ho considerato come un privato che si interessava di una questione che non gli competeva”.

Non un riferimento alla spiegazione che Carrai, tra i consiglieri della Fondazione Open e sodale di Renzi, fornisce in un’intervista al Corriere della Sera: “Non mi occupavo di Etruria, ma della Banca Federico del Vecchio, controllata da Etruria – dice – Il mio cliente, che stava lavorando sul dossier della Federico Del Vecchio, era interessato a sapere se Unicredit chiudesse o meno su Etruria”. È il suo lavoro, dice: “Io non sono un politico”. Domandare, insiste Carrai, “è lecito”. Renzi non era a conoscenza di quella mail e lui stava solo facendo il suo lavoro, quindi “se in quella banca c’era il padre della Boschi a me non interessava e tuttora interessa niente”. Il suo unico scopo era quello di “ambasciator privato”.

Ora è “avvilito” dal clima politico che definisce “modesto e raccapricciante” che lo ha “scaraventato in mezzo a questo agone deviato e deviante”.  Accusa giornali e tv per la pubblicazione del testo della mail inviata a Ghizzoni, senza oscurare il suo indirizzo di posta, motivo per cui “ho subito tentativi di hackeraggio” e “ricevo insulti costantemente”. Giura di non aver mai parlato di Etruria né con Maria Elena Boschi né con il segretario del Pd. Men che meno da Banca Etruria sono “mai arrivati finanziamenti” alla Fondazione Open. L’amicizia con Renzi? Lo ha quasi danneggiato: “I miei affari delle dimissioni di Renzi ne hanno risentito in modo positivo”. Nel 2016, quando c’era lui al governo, “abbiamo toccato il minimo storico degli utili” e il mancato incarico governativo nel settore della sicurezza informatica ha nel frattempo rischiato di far “fallire” la sua azienda di cybersecurity “perché in modo corretto ho sospeso la commercializzazione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lega, il nuovo simbolo è senza “Nord”. Ma ha 2 parole in più: “Salvini premier”

prev
Articolo Successivo

Regione Lazio, Commissione Europea: “Ha finanziato progetti mai attivati. Il sistema di verifica non funziona”

next