Matteo Salvini ha presentato il nuovo simbolo della Lega: via la parola “Nord”, resta lo stemma di Alberto da Giussano e si aggiunge “Salvini premier“. Una svolta nazionale formalizzata dal consiglio federale del partito, in assenza però del fondatore Umberto Bossi.

Per il segretario, Matteo Salvini è l’inizio della campagna elettorale per conquistare la guida del governo, nel 2018. “Con oggi – ha detto in conferenza stampa dalla sede di via Bellerio – inizia un percorso che porterà la Lega oltre il 20%, la prima forza del centrodestra che vincerà le elezioni e con un capo del governo che per serietà abbiamo messo nel simbolo. È una Lega che cresce e unisce, una proposta non più per una parte del paese ma per tutti gli italiani”. “L’obiettivo – è l’orizzonte del segretario della Lega – è un centrodestra che supererà il 40%, che abbia alla guida la forza più concreta: la Lega”.

Il segretario del Carroccio ha deciso di giocare d’anticipo rispetto agli alleati e ancora prima dell’incontro con Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni, ha sventolato davanti ai giornalisti il “programma di governo della Lega, che – mette in chiaro – chiederemo di condividere e sottoscrivere, in cui ci sono alcuni temi non negoziabili: la cancellazione della legge Fornero, la protezione dei confini ed essere protagonisti in Europa per difendere le famiglie e le imprese italiane. Su tutto il resto siamo disponibili a migliorie”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni politiche, Saviano si schiera a sostegno di Bonino: “E’ il nostro nome”

next
Articolo Successivo

Carrai e la mail a Ghizzoni: “Domandare è lecito. Renzi? Non sapeva nulla. Mai parlato di Etruria con lui né con la Boschi”

next