Matteo Salvini ha presentato il nuovo simbolo della Lega: via la parola “Nord”, resta lo stemma di Alberto da Giussano e si aggiunge “Salvini premier“. Una svolta nazionale formalizzata dal consiglio federale del partito, in assenza però del fondatore Umberto Bossi.

Per il segretario, Matteo Salvini è l’inizio della campagna elettorale per conquistare la guida del governo, nel 2018. “Con oggi – ha detto in conferenza stampa dalla sede di via Bellerio – inizia un percorso che porterà la Lega oltre il 20%, la prima forza del centrodestra che vincerà le elezioni e con un capo del governo che per serietà abbiamo messo nel simbolo. È una Lega che cresce e unisce, una proposta non più per una parte del paese ma per tutti gli italiani”. “L’obiettivo – è l’orizzonte del segretario della Lega – è un centrodestra che supererà il 40%, che abbia alla guida la forza più concreta: la Lega”.

Il segretario del Carroccio ha deciso di giocare d’anticipo rispetto agli alleati e ancora prima dell’incontro con Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni, ha sventolato davanti ai giornalisti il “programma di governo della Lega, che – mette in chiaro – chiederemo di condividere e sottoscrivere, in cui ci sono alcuni temi non negoziabili: la cancellazione della legge Fornero, la protezione dei confini ed essere protagonisti in Europa per difendere le famiglie e le imprese italiane. Su tutto il resto siamo disponibili a migliorie”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni politiche, Saviano si schiera a sostegno di Bonino: “E’ il nostro nome”

next
Articolo Successivo

Carrai e la mail a Ghizzoni: “Domandare è lecito. Renzi? Non sapeva nulla. Mai parlato di Etruria con lui né con la Boschi”

next