Il loro pullman è uscito fuori strada mentre si stava dirigendo alle rovine Maya di Chacchoben, circa 200 chilometri a sud di Tulum, una delle zone più frequentate del Messico, soprattutto tra Natale e Capodanno. E’ finita così in tragedia la vacanza di un gruppo di turisti in viaggio sull’autostrada che collega Mahahual a Cafetal, nello Stato di Quintana Roo, a pochi chilometri dalla frontiera con il Belize: 12 i morti e 18 i feriti, dei quali cinque sono già stati dimessi. Tra le vittime potrebbero esserci anche dei bambini, riferiscono le prime testimonianze. Al momento dell’incidente a bordo dell’autobus c’erano 31 persone, tra loro anche l’autista e una guida turistica.

A differenza di quanto riportato nelle prime ore da diversi media locali, non ci sono vittime né feriti italiani. I due connazionali che si trovavano a bordo del mezzo stanno bene e sono tornati sulla nave, ha riferito in tarda serata la Farnesina, sulla base di quanto appreso dalle autorità locali.

Nessuna notizia ufficiale per il momento sulla nazionalità dei turisti morti e feriti, tutti croceristi di due navi della Royal Caribbean. Alcuni media locali riferiscono della presenza di sette americani, due svedesi, canadesi e messicani, tra le persone coinvolte nell’incidente. Notizie tutte da verificare. Per ora il governo del Quintana Roo si è limitato ad una prima nota nella quale ha citato “tra le vittime” (morti e feriti) americani, svedesi e brasiliani. Senza dare ulteriori indicazioni.

Stando alle prime ricostruzioni, il pullman si sarebbe ribaltato a causa della foratura di uno pneumatico. L’autista, in seguito al problema alla gomma, avrebbe perso il controllo del mezzo e, secondo alcune fonti, sarebbe sceso dall’autobus dopo l’incidente e sarebbe fuggito.

A luglio 2016, nella stessa zona vicino a Cancun, 12 persone sono morte nello schianto di un pullman. Anche in quel caso l’autista sparì subito dopo l’incidente. E ancora lo scorso aprile, nello stato di Guerrero vicino alla città di Petacalco, almeno 24 persone sono morte e nove sono rimaste ferite per un incidente che ha coinvolto un autobus turistico e un’ autocisterna che trasportava benzina.

Lo Yucatan è una meta tradizionale di questo periodo dell’anno: per le vacanze di Natale e Capodanno, da sempre, attira milioni di turisti da ogni parte del pianeta, offrendo un clima estivo, spiagge bianche, acque cristalline e la possibilità di escursioni nei principali siti Maya messicani. E proprio verso uno di questi che era diretta la comitiva che oggi ha visto finire in tragedia le sue vacanze.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage di Berlino, in un video amatoriale Anis Amri durante un corso per detenuti: “Scatti di ira e poi chiedeva l’isolamento”

next
Articolo Successivo

Bernard Law, morto a 86 anni il cardinale americano che coprì i casi di pedofilia. Fu coinvolto nell’inchiesta Spotlight

next