La richiesta di voluntary agreement del Milan non è stata accettata dall’Uefa. Crescono quindi i dubbi sulla figura di Yonghong Li e contemporaneamente aumentano le possibilità che la società venga sottoposta a pesanti limitazioni in sede di mercato.

Nyon ha ufficializzato la decisione, già trapelata negli scorsi giorni, di non concludere l’accordo sui conti del club rossonero, presentati dall’amministratore delegato Marco Fassone. La bocciatura, scrive l’Uefa, è arrivata “dopo un’attenta analisi della documentazione e delle ulteriore spiegazioni proposte”. Il piano, dunque, non era credibile.

Il no è frutto di due motivazioni. Al momento, stabilisce l’Uefa, ci sono ancora troppe incertezze sulla reale possibilità di rifinanziare il debito da oltre 300 milioni di euro contratto con Elliott in scadenza ad ottobre 2018. In aggiunta, ci sono anche i dubbi “sulle garanzie finanziarie fornite dall’azionista principale”. Yonghong Li, sul quale diverse inchieste giornalistiche avevano sollevato numerosi dubbi, viene quindi bocciato anche dalla massima autorità calcistica europea.

Dopo il no al voluntary agreement, il monitoraggio del Milan continuerà nei prossimi mesi e la situazione verrà aggiornata nel corso del 2018, quando – probabilmente in primavera – il club rossonero potrebbe essere sottoposto al settlement agreement. In quell’occasione, la società rischia limitazioni della rosa, multe e tetto alle operazioni di mercato per contenere il passivo di bilancio.

Il primo commento dal club arriva per bocca di Fassone. L’ad milanista spiega attraverso un video-messaggio la posizione dei rossoneri: “La Uefa in una comunicazione di un paio di settimane fa ci aveva chiesto una documentazione finale che si riferiva a un paio di cose francamente impossibili da fare -dice – Ci aveva chiesto di completare prima della decisione il rifinanziamento del debito con Elliott che scade a ottobre e fornire garanzie sufficienti per dimostrare la capacità della società di finanziare il club e le perdite che farà nei prossimi anni attraverso una garanzia bancaria o un deposito di una cifra molto importante. Cose impossibili non solo per noi ma per qualunque club si trovi nella situazione del Milan”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pordenone a San Siro, dopo la favola un appello al calcio italiano: rivoluzionare la Coppa Italia per creare altro entusiasmo

prev
Articolo Successivo

Ten Talking Points, Che Gue Sarri che batte Mihajlovic è il flashforward della Rivoluzione d’ottobre cent’anni dopo

next