Un treno ha investito uno scuolabus nei pressi di Perpignan, nel sud-est della Francia, non lontano dal confine spagnolo. Il bilancio dell’incidente resta di 4 morti e 24 feriti molto gravi, 21 dei quali sono alunni e gli altri tre sono passeggeri del treno. A confermarlo è la prefettura dei Pirenei-Orientali che, dopo che France Tv Info e numerosi altri grandi media francesi avevano annunciato un nuovo bilancio di sei morti, ha precisato su Twitter: “Per il momento il bilancio non è cambiato ed è di 4 morti dopo conferma degli ospedali”.

L’incidente è avvenuto nel comune di Millas, in corrispondenza di un passaggio a livello sull’asse ferroviario che collega Perpignan a Villefranche de Conflent, intorno alle 16 di giovedì. Al momento dell’impatto, a bordo del pulmino c’erano 25 persone.

Le ferrovie francesi riferiscono che il passaggio a livello era chiuso e perfettamente funzionante al momento dell’incidente. Il prefetto dei Pirenei Orientali ha deciso di attivare il centro operativo dipartimentale per coordinare l’azione dei vari servizi di soccorso. Lo scontro è avvenuto ad un passaggio a livello già considerato pericoloso e in cui ci sono già stati diversi incidenti minori, scrive il quotidiano francese Le Figaro.

Toccherà all’inchiesta determinare se tutto ha funzionato come doveva e se l’incidente sia stato provocato da un errore umano. Fatto sta che il treno che viaggiava sulla tratta Perpignan-Villefranche de Conflent ad una velocità di 80 km orari ha travolto e spezzato letteralmente in due lo scuolabus. Le vittime erano tutte a bordo del pulmino che trasportava studenti in maggioranza tra i 12 e i 17 anni tra la scuola di Millas e i comuni di Saint-Féliu-d’Amont e Saint-Féliu-d’Avall.

Secondo diversi testimoni citati da radio France Bleu, lo scuolabus è stato spezzato in due dopo la collisione col treno regionale: il pulmino trasportava dei ragazzini tra la scuola di Millas e i comuni di Saint-Féliu-d’Amont e Saint-Féliu-d’Avall. “Tutti i miei pensieri alle vittime di questo terribile incidente di uno scuolabus e alle loro famiglie. La mobilitazione dello Stato è totale per portare loro soccorso” ha dichiarato il presidente francese Emmanuel Macron su Twitter.

Anche il ministro dei trasporti francese francese dei Trasporti, Elisabeth Borne ha espresso in un tweet “Profondo cordoglio per il terribile incidente a Millas, nel dipartimento dei Pirenei-Orientali. I soccorsi e i servizi dello Stato sono pienamente mobilitati. Mi sto recando sul posto immediatamente”. Anche il premier francese Edouard Philippe si sta recando sul luogo del disastro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Per il Nobel a Ican ci siamo commossi in migliaia. Ma è ora di tornare a lottare contro le bombe

prev
Articolo Successivo

Turismo aerospaziale, ci siamo. Test positivo per la Crew Capsule di Bezos: nel 2019 andremo nello spazio così

next