Condannato in primo grado per corruzione e assolto in appello. “Sono stato reintegrato nella mia funzione di parlamentare regionale” fa sapere il deputato Francesco Cascio, assolto in secondo grado dalla corte d’Appello di Palermo “perché il fatto non sussiste”. Sospeso nell’ottobre 2016 per effetto della legge Severino in seguito alla condanna in primo grado, dal giorno della lettura della sentenza di secondo grado, 29 novembre 2017, la sospensione è decaduta. Con l’ assoluzione, infatti, non valgono più gli effetti della legge Severino e Cascio, quindi, torna di diritto tra i banchi dell’Assemblea regionale siciliana, così come stabilito anche da una nota firmata dal presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone.  Contestualmente, Giuseppe Di Maggio, che era subentrato a Cascio, deve lasciare Palazzo dei Normanni.
La XVI legislatura si concluderà tra pochi giorni, l’insediamento dei nuovi parlamentari regionali è previsto per il prossimo venerdì, 15 dicembre.

“Sapevo di essere innocente e che prima o poi la verità sarebbe venuta a galla – afferma Cascio – ho atteso con fiducia, e nella riservatezza della mia vita privata, che la magistratura svolgesse il proprio lavoro. Mi sono fatto da parte in politica e sono tornato con dedizione alla medicina. Questo periodo lontano dalla luce dei riflettori, se così si può dire, mi ha aiutato a ristabilire le priorità e oggi mi sento più forte e consapevole. Non tornerò tra i banchi dell’Ars nella prossima legislatura, questa fase della mia vita per il momento si è chiusa e non voglio lasciare di nuovo il mio lavoro di medico. Lasciamo spazio a chi verrà dopo di noi, ma il riconoscimento – aggiunge – della mia innocenza è un risultato che mi fa stare bene”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Norman Atlantic, la procura dice no al dissequestro del relitto. Legali vittime: “È monumento all’evitabilità dei disastri”

prev
Articolo Successivo

Cisterna, 18 arresti in Comune. C’è anche l’assessore all’urbanistica di Latina. “Pilotate gare per rifiuti, lavori e mense”

next