Diciotto persone arrestate nell’amministrazione di Cisterna di Latina. Tra questa anche Gianfranco Buttarelli, assessore all’Urbanistica del comune di Latina. In un’inchiesta collegata a quella che il 4 dicembre ha coinvolto l’ex assessore all’Ambiente del comune di AnzioPatrizio Placidi, già ai domiciliari, è destinatario di una delle 18 ordinanze di custodia cautelare. I provvedimenti sono stati emessi dal gip del capoluogo pontino su richiesta della locale Procura della Repubblica, che ha coordinato l’attività investigativa dei Carabinieri di Aprilia, durata circa due anni.

Il comune di Latina ha diramato una nota in cui spiega che “in relazione agli accadimenti che vedono coinvolto l’Assessore al Governo del territorio, Lavori pubblici e Mobilità Gianfranco Buttarelli, il Sindaco Damiano Coletta ha convocato per le ore 14.00 un incontro politico straordinario con gli Assessori della Giunta e il Capogruppo di maggioranza”.

“Dall’alba di oggi è in corso un’operazione dei Carabinieri del Comando Provinciale di Latina che ha portato, sinora, alla cattura di diciassette persone, colpite da ordinanza di custodia cautelare in quanto ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere, corruzione, turbata libertà degli incanti, concussione e induzione indebita a dare o promettere utilità”, si legge nella nota diramata dai carabinieri. Il 18° destinatario della misura è risultato irreperibile.

“Le investigazioni hanno fatto luce su una gestione spregiudicata della cosa pubblica – si legge ancora – permettendo di disvelare un contesto di diffusa corruzione, in cui alcuni amministratori, funzionari e imprenditori pilotavano gare d’appalto in materia di raccolta differenziata dei rifiuti, costruzione di edifici pubblici, esecuzione di lavori stradali, refezione scolastica e manutenzione del verde pubblico e dei cimiteri”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sicilia, Francesco Cascio assolto in appello e reintegrato nella funzione di deputato dell’Ars

prev
Articolo Successivo

Corruzione in atti giudiziari, arrestato magistrato: “Favori ad amici e imprenditori”

next