Fake news? A mio avviso, à un’arma di distrazione di massa che ha lanciato Renzi durante la Leopolda“. Così a L’Aria che Tira (La7) il giornalista de Il Fatto Quotidiano, Andrea Scanzi, commenta la guerra lanciata dal Pd e dal suo leader contro le bufale in rete. Scanzi presenta il suo nuovo libro, Renzusconi (ed. Paper First) e spiega: “Intanto, il grande scoop sulle fake news era stato scritto da uno più renziano di Renzi, vicino a lui e a Carrai. Quello che mi fa sorridere è che a lanciare il pericolo delle fake news sia Matteo Renzi, che è il re delle fake news. In Renzusconi” – continua – “mi sono divertito a elencarle e non ce l’ho fatta a raccontarle tutte. Il libro, che è arrivato alla seconda edizione, è volutamente divertente e ironico. Se Renzi fosse autoironico, si divertirebbe anche lui a leggerlo”. E aggiunge: “Magari il problema delle fake news riguardasse una sola forza politica. Ci sono sicuramente siti e personaggi legati al M5S che sparano fanfaronate allucinanti, ma ci sono anche nella Lega, nel centrodestra e nel Pd. La De Girolamo ha ragione quando esige un maggiore controllo sul web, ma le fake news purtroppo non sono solo un problema della rete”. Il giornalista menziona alcune bufale celebri circolate sui social, ma puntualizza: “L’informazione, però, ha fatto danni più grandi della grandine. Il Tg1 sostenne che Berlusconi era stato assolto sul caso Mills e in realtà era prescrizione. Ci sono ancora giornalisti che dicono che Andreotti non è mai stato per mafia e invece non è vero. Non è stato condannato per mafia dal 1980 in poi, prima aveva avuto una condanna, ma il reato era stato prescritto”. E aggiunge: “L’Unità, almeno finché esisteva, perché non mi risulta che abbia avuto un grande successo, sostenne che Virginia Raggi fosse una di quelle che avevano cantato Meno male che Silvio c’è. Non è un reato, però non era vero niente. Purtroppo, quindi, le fake news sono trasversali”. “Scanzi si dimentica del Fatto Quotidiano”, replica la deputata di Forza Italia, Nunzia De Girolamo. “Però mi deve elencare le fake news del Fatto”, osserva Scanzi. Ma la parlamentare non risponde

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5s, Castelli: “Referendum euro? Si può fare. Cosa sceglierei tra sì e no? Non si dice cosa si vota”

prev
Articolo Successivo

Romano (Pd) vs Scanzi: “Col suo libro sia più modesto”. “Lo farò promuovere da lei che ha fatto chiudere L’Unità”

next