“Di fronte ad una sinistra sempre più debole, a politiche liberiste sostenute da un governo di centrosinistra, riteniamo sia indispensabile una alternativa radicale non costituita da una somma di partiti, giocata su tatticismi e alleanze ma mirata a ricostruire l’identità di un pensiero alternativo, portavoce di un ampio movimento progressista”. Si legge in un documento firmato per il momento da 109 “autosospesi” di Sinistra Italiana che non condividono il percorso del movimento unico (Liberi e uguali, guidato da Piero Grasso) nel quale l’ha portata il segretario Nicola Fratoianni. Sono amministratori locali, consiglieri, segretari provinciali, semplici iscritti che non condividono “il percorso e le scelte politiche verso una lista autonominatasi unitaria di sinistra”.

Secondo gli autosospesi “era necessaria una coraggiosa rivoluzione degli schemi attuali, che rimuovesse le vecchie strutture oligarchiche di partito per costruire una nuova alternativa, una nuova modalità di praticare la politica con la capacità di coagulare tutti gli attori in campo dentro e fuori gli attuali partiti”. Invece, secondo i delusi di Sinistra Italiana, “il gioco ‘delle tre tavolette’, imposto dall’alto, formalizzato con frettolosi e ravvicinati step assembleari, non solo non ha lasciato momenti di ampia consultazione e discussioni programmatiche ma ha messo in campo forze politiche che hanno sostenuto e non sconfessato, le politiche liberiste dei governi Monti, Letta, Renzi e Gentiloni”. Quella di Liberi e uguali, insomma, appare una copia “del già fallimentare processo di Italia Bene Comune“, cioè la coalizione di centrosinistra (Pd più Sel) che “non vinse” le elezioni politiche del 2013.

Gli autosospesi non escono tutti dal partito: alcuni resteranno iscritti a Sinistra Italiana fino alla naturale scadenza, altri hanno già dato le dimissioni. “Ma tutti noi – continua il documento firmato dai 109 – davanti a un fatto compiuto e predeterminato, privo di rinnovamento tanto nel programma quanto nelle biografie, non
possiamo che fare un passo indietro non aderendo alla lista Liberi e Uguali”.

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

×
Articolo Precedente

Pd, il tesoriere Bonifazi chiede mezzo milione di euro agli ex compagni di Mdp: “Soldi dovuti secondo lo statuto”

prev
Articolo Successivo

M5s, Di Maio: “Scalfari? Sta con élite che si difende, io col 99% degli italiani. Berlusconi? Anacronistico”

next