di Francesco Spada

L’ultima puntata di Gomorra è una di quelle che ha molto da insegnarci, ed è questo il senso con cui, secondo me, deve essere visto questo prodotto televisivo. Come uno stimolo alla apertura mentale, al guardare dietro le cose che osserviamo ogni giorno, alla riflessione sui mali che ci circondano. In particolare, gli ultimi due episodi hanno mostrato perfettamente, per chi non ne avesse ancora il senso, quali siano, troppo spesso, le commistioni e gli accordi tra la criminalità organizzata e il potere politico.

Spiegano in modo lineare quanto possa essere deleterio per la nostra società dare un voto sbagliato alla persona che promette un posto di lavoro o che aggiusta un concorso in cambio di denaro e come un semplice gesto possa poi ripercuotersi in negativo su di noi e su altri. Ogni volta che spendiamo i nostri soldi in qualcosa di illegale, magari convinti di aver fatto un affare o di essere stati più furbi di altri, non stiamo facendo altro che finanziare i nostri aguzzini, che alimentare la parte marcia della società, che rendere sempre più difficili da spezzare le catene che impediscono lo sviluppo, la ricchezza e l’emancipazione nostra e della nostra terra.

Ogni euro che spendiamo in una borsa falsa, un oggetto rubato, un cd masterizzato, un pacchetto di sigarette di contrabbando, un abbonamento “pezzotto” alla pay-tv, è un euro che ci allontana dalla libertà per avvicinarci sempre più alla schiavitù, gettandoci tra le mani sporche di sangue dei nostri vessatori. Guardiamo oltre ogni nostro gesto quotidiano. Essere più consapevoli vuol dire essere migliori e contribuire a migliorare la vita nostra e degli altri.

Il blog Utente Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio.

Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Divorzio e separazione, le conseguenze per i padri – Dal rischio povertà al ruolo di “genitore di serie B”

next
Articolo Successivo

Agricoltura, terreni dello Stato in vendita per agevolare gli under 40: all’asta 8mila ettari

next