L’Alabama è tra gli otto Stati più poveri degli Usa. In Alabama la legge prevede che il diritto di voto venga sospeso come pena accessoria anche per molti reati comuni. In Alabama il prossimo 12 dicembre si voterà per eleggere uno dei due rappresentanti nel Senato di Washington. Ma sono 286.266 le persone – come ci ricorda un bel reportage di Internazionale – che lo potranno fare solo a condizione di riscattare col denaro il loro diritto di voto, perduto a seguito di una condanna. Essendo per lo più poveri e per lo più neri, pochissimi di loro lo faranno. Fossero italiani troverebbero di sicuro tanti candidati generosi a fare da garanti pronta cassa. E noi sicuramente parleremmo del mercatone all’ingrosso dei partiti acquistati con carta di credito, dell’outlet dei diritti civili, della vergogna eretta a legge. Ecco, solo per consigliare questo: quando parlate dell’America come della frontiera della modernità, della civiltà, della tolleranza, pensate che c’è New York ma anche l’Alabama.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’istantanea di Antonello Caporale – Se questo è un uomo

next
Articolo Successivo

L’amore analfabeta del Grande Fratello Vip – L’istantanea di Antonello Caporale

next