In attesa di conoscere il destino del ddl sul biotestamento in questo finale di legislatura, siamo tornati in strada per discuterne con i cittadini. In gran maggioranza le persone interpellate si esprimono a favore, in nome del principio di autodeterminazione. “Quando la vita rischia di perdere dignità, è preferibile poter scegliere di sospendere le cure”, affermano in tanti. “L’importante è che la volontà della persona sia formulata in modo chiaro”, aggiungono altri. “Chi conosce da vicino certe malattie totalmente invalidanti ha pochi dubbi”, osserva un assistente di malati di Sla. Con sfumature differenti, anche diversi cattolici dichiarati si dicono d’accordo. “L’appello del Papa a un supplemento di saggezza è sacrosanto, in certi casi particolari si deve poter dire basta”, rileva una signora. Ma c’è pure chi sostiene che “in questo momento la legge è inopportuna, meglio riparlarne dopo le elezioni”. E voi che ne dite?   di Piero Ricca, riprese e montaggio  Alessandro Sarcinelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Mattarella: “Sono i nuovi schiavi, negata la dignità di esseri umani”

next