Renzi parla di emergenza fake news? Se qualcuno volesse fare una legge in merito e magari fosse qualcuno del governo attuale, dovrebbe innanzitutto consegnarsi alle forze dell’ordine”. È l’ironico commento di Nicola Fratoianni, segretario nazionale di Sinistra Italiana, all‘allarme fake news lanciato dal Pd. Ospite de L’Aria che Tira (La7), il deputato spiega: “A me vengono in mente le fake news che, durante la campagna per il referendum costituzionale del 4 dicembre, inondavano il Paese. Mi è tornata davanti una grafica di Confindustria che annunciava, in caso di vittoria del No al referendum, un tracollo del Pil al -4%, centinaia di migliaia di posti di lavoro in meno, centinaia di migliaia di poveri in più. Le fake news sono queste, ricordiamolo”. E aggiunge: “C’è un’altra cosa che mi preoccupa rispetto a questo dibattito: esiste una sfera della comunicazione social e virale che è poco indagata. Oggi nella formazione della nostra opinione siamo molto orientati da qualcosa che non vediamo, i cosiddetti Big Data. Ci sono, cioè, aziende non note e società che fanno questo: di fatto posseggono e spesso manipolano un numero gigantesco di nostri dati per orientare consumi e scelte. Altro che la messa in giro di qualche piccola falsa notizia”. Fratoianni poi spiega le ragioni di Sinistra Italiana riguardo al mancato accordo elettorale col Pd: “Consideriamo sbagliate le scelte che il Pd ha fatto in questi anni. Svegliarsi all’improvviso e chiedere in nome della responsabilità un’alleanza contro il pericolo della destra, rivendicando al contempo le proprie scelte, dal Jobs Act alla Buona Scuola fino allo Sblocca Italia, non è accettabile”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Berlusconi, Di Battista: “Ormai è un disco rotto. Ha paura del M5S, se facciamo legge anti-corruzione gli svuotiamo il partito”

prev
Articolo Successivo

D’Alema: “Non so definire la sinistra di Renzi, va studiata. Grasso? Non viene dalle campagne come me e lei”

next