Tredicine a Piazza Navona? Da tantissimi anni non veniva fatto un bando, noi l’abbiamo fatto. Loro, che hanno comunque tantissimi banchi, hanno partecipato e sono riusciti a ottenere una quota molto piccola, credo un 10-15% rispetto al totale”. Lo dichiara a Dimartedì (La7) la sindaca di Roma, Virginia Raggi, a proposito del ritorno della famiglia Tredicine nella gestione delle bancarelle a piazza Navona per la festa dell’Epifania. E aggiunge: “Revocare il bando? Se è regolare e le le aggiudicazioni sono state regolari, non vedo come l’amministrazione possa revocare un provvedimento regolare. Sicuramente faremo dei controlli. Tra l’altro, talmente abbiamo contrastato il fenomeno dei Tredicine che loro stessi all’indomani del provvedimento sono venuti a protestare in aula, minacciando i nostri consiglieri“. La sindaca di Roma, poi, commenta le parole di Eugenio Scalfari, che, tra Berlusconi e Di Maio al governo, sceglierebbe il primo: “Io penso che l’Italia sia pronta a voltare pagina. Noi ancora parliamo di Berlusconi… cioè, iniziamo a guardare il futuro. Ci sono tantissime persone che vogliono voltare pagina, il voto di Ostia lo ha dimostrato. Noi siamo additati come gli inesperti, ma intanto gli esperti ci hanno lasciato 13 miliardi di debiti a Roma. Talvolta – continua – è difficile tirare una linea sul passato, quando stiamo continuando a pagare quel passato. Se si sceglie Berlusconi piuttosto che il M5S, si preferisce un modello di politica, quella degli ‘esperti’, che ha lasciato una serie di danni indimenticabili. E noi stiamo cercando di ripararli. Se questa è l’inesperienza, evviva l’inesperienza

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Articolo 18, Landini vs Colomban (ex assessore giunta Raggi): “Lavoratori fannulloni? Sto friggendo a sentirla”

next
Articolo Successivo

Scalfari: “Tra Berlusconi e Di Maio scelgo il primo. Renzi? E’ il mio ‘nipotino'”

next