Se non avete idea di cosa sia FICO, andateci.
Se avete idea di cosa sia FICO, parlatene.
Se non ve ne frega niente di FICO, non leggete questo post.
FICO, acronimo di Fabbrica Italiana Contadina, è la Disneyland del cibo a due passi da Bologna, una enorme fiera dove la gente deambula e quando ha fame mangia a caro prezzo, perché i cibi di FICO sono costosi.

Rassegnatevi (se state a FICO per più di due ore, pagate anche il parcheggio).
Dicono che qui ci sai il meglio del “Made in Italy”.
E’ vero?
Non è vero?
Andateci e fatevene un’idea.

FICO è un’enorme vetrina di prodotti che l’italiano vede e dice «E allora?», perché l’italiano è pieno di cibo e non ha certo bisogno di FICO per vedere/comprare/mangiare del cibo, gli basta andare a trovare la nonna e farsi cucinare il vero “Made in Italy”, quello di “una volta”.
Diverso il discorso per quel 75% della popolazione mondiale che mangia malissimo (Inglesi, americani, cinesi, giapponesi… però benestanti).
Ecco, FICO è dedicato a loro.

Il progetto a lungo termine è attirarli in questo megastore con animali e ristoranti in attachment e fargli vivere una FICO experience che la si può riassumere così: tra una visita a Firenze e una a Venezia, fermati un pomeriggio qui a Bologna, ma non andare in centro che non c’è un cavolo da vedere, vieni a FICO a mangiare italiano e a comprare prodotti italiani. Non te ne pentirai.
Questo è e questo sarà principalmente FICO, luogo odiato da tutti i fighetti ciabattoni, vegani, fruttariani, respiriani e chi più ne ha più ne metta.

Visualizzate tutte le vostre amiche e tutti i vostri amici aristofreak, visualizzate le loro Birkenstok e la puzza di piedi benestante, visualizzate le loro cioccolate equosolidali, visualizzate quanto vi rompono le palle con il bio, il km0, la mobilità sostenibile, l’andare in bici e a fare la spesa dal contadino che è così fico.
Li avete visualizzati?
Bene, tutta ‘sta gente pontificante di stili di vita sanissimi, cosa fa?
Critica Farinetti perché fa i soldi proprio con le baggianate nelle quali loro credono.
Loro no, loro non ci fanno i soldi col bio e altre mode.
A loro fan schifo i soldi.
E perché?
Perché ne hanno talmente tanti che non han certo bisogno di fare impresa, al limite mettono su una startup di crowdfunding che svilupperà un app che misurerà la temperatura della febbre a un bambino africano adottato a distanza (ok il km0, ma non esageriamo… mica per tutto. Le distanze sono importanti).

Insomma, c’è poco da fare, Farinetti ha vinto anche stavolta.
Farinetti è grande, FICO è il suo profeta.