“Stiamo assistendo a una marea di video su YouTube da parte degli utenti di iPhone che hanno messo le mani sul nuovo iPhone X e stanno cercando di ingannare il Face ID. Quando mia moglie ed io abbiamo ricevuto il nostro iPhone X, non avevamo questa intenzione. Tuttavia, le cose sono cambiate subito dopo che avevamo finito di installare i nostri nuovi iPhone il 3 novembre”. Inizia così il racconto pubblicato nei giorni scorsi da Malik Attaullah su Youtube: “Stavamo seduti nella nostra camera da letto e avevamo appena finito di creare i Face ID, nostro figlio di 10 anni camminava ansioso di mettere le mani sul nuovo telefono. Subito mia moglie gli ha detto che non avrebbe avuto accesso al suo nuovo telefono. Facendo esattamente come avrebbe fatto un bambino quando gli è stato chiesto di non fare qualcosa, ha preso l’oggetto dei desideri e con un semplice colpo d’occhio è riuscito ad ottenere l’accesso”, il tutto merito della somiglianza tra il piccolo e la madre

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Interno e Difesa: così Anonymous ha compromesso la sicurezza del Paese

next
Articolo Successivo

Dipendenza da smartphone, felici e connessi? La parola ai ragazzi

next