“Stiamo assistendo a una marea di video su YouTube da parte degli utenti di iPhone che hanno messo le mani sul nuovo iPhone X e stanno cercando di ingannare il Face ID. Quando mia moglie ed io abbiamo ricevuto il nostro iPhone X, non avevamo questa intenzione. Tuttavia, le cose sono cambiate subito dopo che avevamo finito di installare i nostri nuovi iPhone il 3 novembre”. Inizia così il racconto pubblicato nei giorni scorsi da Malik Attaullah su Youtube: “Stavamo seduti nella nostra camera da letto e avevamo appena finito di creare i Face ID, nostro figlio di 10 anni camminava ansioso di mettere le mani sul nuovo telefono. Subito mia moglie gli ha detto che non avrebbe avuto accesso al suo nuovo telefono. Facendo esattamente come avrebbe fatto un bambino quando gli è stato chiesto di non fare qualcosa, ha preso l’oggetto dei desideri e con un semplice colpo d’occhio è riuscito ad ottenere l’accesso”, il tutto merito della somiglianza tra il piccolo e la madre

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Governo, Interno e Difesa: così Anonymous ha compromesso la sicurezza del Paese

prev
Articolo Successivo

Dipendenza da smartphone, felici e connessi? La parola ai ragazzi

next