Accesa polemica a Dimartedì (La7) tra il deputato del M5s, Alessandro Di Battista, e i giornalisti Gianni Riotta e Massimo Giannini. Riotta menziona la cronista di Repubblica, Federica Angeli, sotto scorta da oltre 4 anni per le sue inchieste sulla mafia a Ostia: “Federica Angeli a volte ha espresso posizioni critiche sul M5S. Ma se lei legge sul blog di Grillo quello che tanti grillini dicono sulla Angeli, inorridisce, perché scrivono cose terribili. Non è arrivato il momento in cui, da Grillo a Casaleggio a voi, si cominci a dire: ‘Bene la rabbia popolare, ma ci sono dei paletti che non si devono superare’?. Possiamo vedere insieme cosa scrivono sul vostro sito”. “Non è il nostro sito, Riotta, ma è internet in generale. Lasciamo perdere di chi è il blog”, replica Di Battista. “In effetti, non si sa di chi è” – ribatte Riotta – ” Se lei lo dicesse, sarebbe uno scoop, perché Grillo, quando è stato querelato, ha detto che il sito non è suo”. Il parlamentare pentastellato risponde: “Ogni volta che io scrivo un post, preciso sempre: ‘State attenti e rispondete con garbo’. Il M5S ha intercettato una rabbia sacrosanta e l’ha incanalata in democrazia e partecipazione. Mi dovete dire un solo incidente che c’è stato durante un evento del M5S e sapete che siamo in piazza tutti i fine settimana. Dovreste ringraziarci perché la rabbia è stata contenuta grazie alla speranza che diamo con la possibilità di andare al governo e cambiare finalmente le cose. Stigmatizzo le reazioni scritte da Tizio, Caio e Sempronio, ma questo non succede solo sul blog di Grillo o sulla mia pagina Facebook“. E aggiunge: “Se andiamo al governo, cacceremo dalla Rai i partiti, faremo pagare a Mediaset le tasse giuste, aboliremo qualsiasi forma di finanziamento diretto e indiretto all’editoria. Questo significa andare contro la libertà di stampa?”. Il conduttore della trasmissione, Giovanni Floris, fa notare che i punti esposti da Di Battista non sono nuovi, perché già proposti da altri politici. “Ma noi abbiamo un giornale di partito per caso?”, chiede il deputato. “Sì, il sacro blog“, risponde Giannini. E Di Battista non ci sta: “Non becchiamo quattrini pubblici, Giannini. Abbiamo per caso inserito nella Rai persone nostre?“. Giannini risponde che non è ancora successo e viene accusato dal deputato di fare processi alle intenzioni. Riotta menziona Carlo Freccero. “Freccero non è dei nostri, è stato scelto perché è una persona competente”, replica Di Battista

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ravetto (Fi): “Berlusconi? E’ legittimato da 200 milioni di voti. M5s? Incompetenti e ribellisti”

next
Articolo Successivo

Reddito di cittadinanza, Meli vs De Masi: “Esiste solo in Alaska. Grillini ignoranti”. “Lei fa totale disinformazione”

next