Nel giugno del 2015, in occasione della visita di Vladimir Putin all’Expo di Milano, l’allora premier Matteo Renzi salutò i cronisti in sala stampa con una battuta calcistica: “Non parlo di Mondiali, perché vogliamo vincere quelli di Russia 2018“. Parole che oggi, all’indomani dell’eliminazione della Nazionale ai playoff, suonano come una clamorosa (e inconsapevole) gaffe