Nel giugno del 2015, in occasione della visita di Vladimir Putin all’Expo di Milano, l’allora premier Matteo Renzi salutò i cronisti in sala stampa con una battuta calcistica: “Non parlo di Mondiali, perché vogliamo vincere quelli di Russia 2018“. Parole che oggi, all’indomani dell’eliminazione della Nazionale ai playoff, suonano come una clamorosa (e inconsapevole) gaffe

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italia-Svezia 0-0, Salvini e Meloni: “Fuori dai mondiali per colpa dei troppi stranieri nel nostro calcio”

next
Articolo Successivo

Italia fuori dai mondiali, l’allenatore giusto per il dopo Ventura? Ecco cosa ne pensano i tifosi azzurri

next