Massimo Cacciari ha sempre quell’aria, giusta e meravigliosa, di chi trova oltremodo inaccettabile l’idea che le Picierno osino respirare la sua stessa aria. Appare in collegamento da luoghi imprecisati, a ribadire come lui sia mera essenza. Un’essenza definitiva e inappellabile, condannata ad avere quasi sempre ragione (il “quasi” è stato votare “sì” il 4 dicembre, pur sapendo che quella riforma fosse “una puttanata”).

Giovedì Il Filosofo ha sciabordato come lui solo sa Otto e mezzo. Confrontandosi con la senatrice Taverna, ha ribadito tutti i dubbi – esternati anche dal Fatto – sui 5 Stelle. Dubbi espressi non dai primi Cerasa e Meli che passano, ma da persone non antipatizzanti e “nemiche”. La Taverna si è difesa benino, ma Cacciari è come Foreman con Frazier: una sentenza inappellabile. “Se i 5 Stelle continuano a non voler ragionare in termini politici, e cioè di effettive, concrete, pensate, misurate alleanze, in un Paese democratico non andranno mai al governo”. “Voi potete essere il primo partito da qui all’eternità e non andare al governo mai”. “Cercate di ascoltare e capire il discorso di coloro che non vi sono nemici. Io non vi sto dicendo di fare alleanze con Renzi, Berlusconi o Salvini. Vi sto dicendo che la vostra proposta politica deve essere organizzata in modo tale da poter attrarre simpatie e alleanze possibili, e non attorno al vostro asse che non vacilla. Col casino che c’è nel Pd, è mai possibile che non siate riusciti ad attrarre nella vostra area neanche un cane?”.

Parole inattaccabili: infatti le ha dette Cacciari. La Taverna, con buoni riflessi, ha risposto: “Ma qual è il cane da attrarre?”. E qui Cacciari, sempre più infastidito, ha snocciolato il rosario dei Cuperlo, Emiliano e Civati. 5 Stelle e sinistra combattono spesso le stesse battaglie. Sfileranno assieme anche contro la violenza a Ostia, laddove il Pd renziano ha invece deciso empiamente di sfilarsi. Per il M5S non si tratta di sposarsi con Bersani e Gotor, ma di capire che essere il primo partito e non governare su scala nazionale è come battere il Brasile 4-0 in amichevole. Vedi la vittoria di Pirro in Sicilia.

I 5 Stelle possono serenamente continuare a vivere di opposizione, che sanno fare, e slogan adolescenziali a uso e consumo della Curva Invasati. Così facendo, però, l’unica certezza è che a vincere sarà sempre il renzusconismo. E questo, a dirla tutta, fa incazzare un sacco di gente. Non solo Cacciari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sicilia, la metamorfosi del Pd renziano: la maggioranza degli eletti alle regionali viene da Cuffaro, Lombardo e Berlusconi

next
Articolo Successivo

Di domenica non si lavora. In Alto Adige il riposo domenicale convince tutti e in Consiglio provinciale passa la mozione

next