“Che cosa dovrei fare quindi?”. “Startene a casa.” Si è vista respingere così una ragazza diabetica che voleva festeggiare una laurea all’Old Fashion, nota discoteca milanese. La giovane, 25 anni, è stata bloccata all’ingresso perché nella borsa aveva un brick di estathè e qualche bustina di zucchero. “Sono diabetica del tipo 1, quello più difficile da gestire, ho bisogno di portarmi dietro degli zuccheri in caso di ipoglicemia“. La ragazza ha mostrato il tesserino che certifica la sua malattia, ma i buttafuori hanno continuato a non farla entrare. “Dicevano che le consumazioni si fanno all’interno del locale, che magari dentro il brick avevo messo della Vodka…”. A questo punto, la ragazza, in lacrime, ha chiesto cosa dovesse fare per poter festeggiare la laurea. La risposta: “Andartene a casa”.

La discoteca milanese ha però replicato sul proprio profilo Facebook: “Abbiamo invitato la ragazza a lasciare la borsa al guardaroba con il succo e riprenderlo all’uscita – si legge -. Nel locale è sempre a disposizione tutto lo zucchero e acqua di cui un diabetico ha bisogno. Non è vero che ci ha mostrato il certificato, dalle registrazioni di video sorveglianza questo non si vede mai accadere”. Roberto Cominardi, gestore del locale, conferma quanto scritto sul social network: “È chiaramente un episodio increscioso e mi spiace sia accaduto. Ho parlato con l’operatore, nega di aver mai pronunciato frasi poco gentili e tanto meno che la ragazza gli abbia mostrato un certificato. Ho visto le registrazioni delle telecamere, la ragazza ha preferito andarsene e mi dispiace, non c’è stata alcuna intenzione di mortificarla o discriminarla.”

La giovane, sentita dal fattoquotidiano.it, smentisce però le dichiarazioni della discoteca: “Non è vero, ho mostrato il certificato e i miei amici possono confermarlo. Capisco che loro devono proteggere l’immagine del locale ma non capisco perché continuano a dire cose non vere”. Sul fatto che la discoteca potesse offrirle lo zucchero in caso di necessità: “Non capiscono che se ho una crisi ho bisogno dello zucchero immediatamente. Al bar potrebbero non capire la mia emergenza, rischierei la vita“. Una leggerezza che ha infastidito particolarmente la ragazza: “Io non li accuso, però con il loro comportamento hanno fatto del male a me e a chi è affetto da questa malattia”. La ragazza, tra l’altro, non ama le discoteche: “Le odio, ci sono andata solamente per festeggiare una laurea, altrimenti non ci vado quasi mai. Mi dispiace che l’ignoranza porti sempre a una discriminazione“. Casualmente, non era la prima volta che la ragazza andava all’Old Fashion: “Ci ero già stata una volta. Anche in quel caso, quando avevano trovato il brick nella mia borsa non volevano farmi entrare, poi ho mostrato il tesserino e sono entrata tranquillamente”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘Ndrangheta, dopo 6 anni arrestati a Reggio Calabria i killer di Giuseppe Canale: l’omicidio pagato 10 mila euro

prev
Articolo Successivo

Meningite, morto un bambino di 1 anno a Bergamo: “Meningococco di tipo C”

next