Anziani disabili e interdetti portati a votare in un seggio speciale. Con tanto della firma sulla delega che sarebbe stata falsificata. È la denuncia contenuta in un video diffuso sui social network, e rilanciato da molti deputati ed eletti del Movimento 5 stelle, nel day after delle elezioni siciliane. E ora indaga anche la procura di Catania.

Il filmato è girato da un uomo che entra in un ufficio elettorale e chiede di sapere se sua madre ha votato o meno. “Sì, ha votato”, gli dice la dipendente dell’ufficio. “Ma come ha fatto a votare se è interdetta?”, risponde l’uomo. “Mia madre ha 88 anni, non si muove, è allettata, non può votare”, ripete l’uomo che racconta ai dipendenti dell’ufficio elettorale di aver scoperto parlando con “il comandante dei vigili urbani”, che la madre e altri anziani invalidi presenti nella stessa casa di cura E a un certo punto l’uomo dice anche: “Mia madre l’hanno fatta votare per coso, per Sammartino“.

La scena sembra girata a Catania, visto che si fa cenno a Gravina, comune della provincia. Lo stesso collegio dove è stato eletto Luca Sammartino, recordman di preferenze in Sicilia con ben 32.299 mila voti. Che adesso, contattato da ilfattoquotidiano.it, annuncia querele.  “I miei voti sono frutto di tutti i contatti che ho col territorio e con le associazioni universitarie e il tentativo di avvicinare la gente alla politica, il resto è solo invenzione. E a chi esagera dico che sono stanco della macchina del fango, prendo le distanze da tutto questo e mi rivolgerò alle autorità competenti per tutelare la mia immagine. Capisco che prendere molti voti porti dei problemi e susciti malignità, ma adesso la situazione sta degenerando e i miei legali interverranno”.

La procura, ha spiegato il procuratore Carmelo Zuccaro, ha aperto l’inchiesta come atto dovuto e al momento non ci sono indagati. “Stiamo attendendo la relazione dei carabinieri”, dice Zuccaro, senza aggiungere altro perché spiega, “è un’inchiesta che richiede attenzione, rapidità e riservatezza”.

a cura di Giuseppe Pipitone e Saul Caia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regionarie M5s Lombardia, si candida il deputato De Rosa. Buffagni rinuncia e punta su Roma

next
Articolo Successivo

Grandi navi, Delrio rilancia stop deciso da Clini-Passera 5 anni fa. E si prende altro tempo. Ambientalisti: “Scelta peggiore”

next