Da tempo gli utenti di WhatsApp attendevano la novità che, alla fine, è arrivata. Si chiama Delete for everyone ed è la nuova funzione dell’app di messaggistica che consente di  cancellare i messaggi inviati per errore sia da chat singole sia di gruppo. Indispensabile per implementarla avere installato l’ultimo aggiornamento. Per fare sparire l’ultimo messaggio inviato dalla conversazione, l’utente avrà a disposizione sette minuti. A meno che il destinatario non abbia già letto il messaggio incriminato durante questo arco temporale. Inoltre Delete for everyone – abbreviata con un più breve Recall – non sarà limitata solo ai messaggi testuali ma anche ai file audio, immagini o risposte ad altri messaggi.

La notizia, dopo le prime indiscrezioni trapelate quest’estate, è stata confermata lo scorso 26 ottobre con un tweet pubblicato dal sito WABetaInfo, rivista di settore, che ha spiegato i tempi e le modalità della nuova funzione. I messaggi potranno essere cancellati entro sette minuti e il destinatario potrebbe essere avvisato dell’avvenuta rimozione attraverso una notifica. Ma con un’eccezione riservata agli utenti iOs, sistema che permette la cancellazione definitiva direttamente dal centro notifiche. Possibilità, invece, non permessa dai sistemi Android per i quali è prevista la ricezione di una breve notifica come questa: “Questo messaggio è stato eliminato per tutti”.  Inoltre, particolare da non sottovalutare e per il quale gli utenti sono messi in guardia, non è possibile garantire del tutto che il messaggio inviato, poi cancellato, non venga visualizzato prima della sua eliminazione. E, infine, come sottolinea WABetaInfo, non potranno essere cancellati i messaggi citati da altri utenti nelle conversazioni di gruppo o all’interno di liste. La funzione sarà presto disponibile per tutti, ma al momento è distribuita solo ad alcuni gruppi di utenti sia su iOs e Android.

 

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Razer BlackWidow Chroma V2: nuovi switch e poggiapolsi imbottito i punti forti della tastiera meccanica di Razer

prev
Articolo Successivo

Elon Musk svela il primo tratto del tunnel anti-traffico: a 240 km/h nelle viscere di Los Angeles

next