Qualità di Renzi? È molto veloce, molto intelligente, una persona coraggiosa. Suoi difetti? Confermo quelli che disse qui lo scorso anno (‘talvolta troppo cattivo, un po’ arrogante, alcune volte impulsivo’, ndr) e aggiungo che fa fatica a fidarsi delle persone. E questo è un limite”. Sono le parole del sindaco di Bergamo Giorgio Gori, ospite del Faccia a Faccia (La7) di Giovanni Minoli. L’ex dirigente Mediaset esordisce rivelando di non essere stato invitato alla festa dei 10 anni del Pd, poi si sofferma sulla situazione in Lombardia: “Tra Maroni e Formigoni il migliore presidente della Regione Lombardia è stato certamente Formigoni. Nell’ultima fase della sua gestione ha fatto delle cose abbastanza criticabili, ma nei 18 anni in cui ha governato la Lombardia Formigoni ha espresso un’idea forte della politica, quella della sussidarietà: lo Stato non deve soffocare la società, ma deve favorire il suo fiorire. Maroni invece ha fatto poco, la Regione oggi funziona in modo molto peggiore che in passato”. Sull’ipotesi di un governo Renzi-Berlusconi, Gori risponde: “Non credo di poterlo escludere in assoluto, ma io penso che dobbiamo fare una campagna per vincere e una coalizione di centrosinistra più ampia possibile. Poi, purtroppo, abbiamo non un sistema elettorale che ci dice in modo certo chi vince la sera delle elezioni. Ritengo che a sinistra del Pd ci sia spazio per cucire alleanze“. Gori, infine, difende il leader del Pd (“si è dimesso da segretario del partito e da presidente del Consiglio. Non è poco, non succede spesso in Italia”) ed esprime un suo sogno: “Sarei contento se ci fosse un centauro mezzo Gentiloni e mezzo Renzi. Vinceremmo le elezioni e governeremmo alla grande. Renzi contro Mattarella e Gentiloni? Non lo vedo come un match, secondo me la cosa è destinata a stemperarsi”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Sallusti vs Scanzi: “Giustizialisti vicini a Di Matteo e Davigo”. “Per te stimare magistrati è come essere l’Anticristo”

next
Articolo Successivo

De Girolamo (Fi): “Governo M5s-Lega? Prenderò il primo aereo per l’America. Sarebbe meglio un governo Salvini-Trump”

next