Non si placano gli incendi che da giorni divorano ettari di terreno in Piemonte e Lombardia. La situazione più preoccupante è quella della Val Susa. Una nube di fumo giallo ha completamente invaso la città di Susa (Torino), e le fiamme si avvicinano al santuario del Rocciamelone. Sono 11 gli incendi boschivi attivi in Piemonte, 190 i vigili del fuoco al lavoro. Una sessantina gli evacuati nella notte a Mompantero, dove il fuoco minaccia le abitazioni. Cinque ospiti della casa di riposo Villa Cora di San Giacomo sono stati portati in ospedale in via precauzionale, ma non ci sono feriti: la Croce Rossa ha preparato il piano d’evacuazione per i 195 anziani residenti in struttura. Un tratto dell’autostrada del Frejus è stato chiuso. Un sospetto piromane è stato bloccato dai carabinieri nel Biellese, in località Prera. L’intervento è stato eseguito durante i sopralluoghi che hanno fatto seguito allo spegnimento di un incendio divampato nella zona nel corso della giornata

Contro i roghi si combatte anche dal cielo. “Il ministro Minniti ha garantito che tutti i canadair operativi sono impegnati in Piemonte”, ha detto il presidente di Regione, Sergio Chiamparino, in sopralluogo a Sparone. Nel pomeriggio i roghi si sono spostati a ridosso del versante di Novalesa: alle spalle del presidio no tav di Venaus si vede la montagna bruciare. Le fiamme in zona Pampalù raggiungono i 70 metri d’altezza e sono a rischio molte brigate. Alle operazioni di spegnimento partecipano anche decine di volontari Aib (antincendi boschivi), protezione civile, forze dell’ordine e semplici cittadini. La zona è impervia e le squadre partono anche a piedi.

A Genova in tarda mattinata sono atterrati due canadair della Repubblica croata, attivati da Bruxelles su richiesta del Governo italiano nell’ambito del Meccanismo europeo di protezione civile. Opereranno a supporto dei velivoli della flotta antincendio dello Stato. Altri mezzi aerei, secondo quanto si apprende, sono stati attivati dalla Svezia. La croce rossa di Susa sta allestendo un centro di accoglienza per gli sfollati delle frazioni di Mompantero all’Istituto Rosaz di Susa.

Anche la Lombardia è alle prese con la piaga degli incendi che, favoriti da vento e siccità, forse con l’aiuto di piromani, si stanno estendendo in quota. Sono 4 i roghi principali contro i quali lavorano centinaia di vigili del fuoco e di volontari dell’Aib, tre canadair (altri 4 sono in arrivo dall’estero), 5 elicotteri. In Valtellina sono bruciati oltre 100 ettari di bosco ceduo e conifere. Complessivamente nella regione oltre 300. Nel varesotto la situazione più pesante è nel parco regionale Campo dei Fiori, area verde protetta che ospita anche il complesso del Sacro Monte, patrimonio dell’Unesco, e ville liberty di inizio ‘900, proprio alle porte della città. Quindici abitanti che vivono sulla strada che dal capoluogo porta al parco sono stati allontanati dalle loro case.

Nel comasco è stato salvato un gruppo di escursionisti che era rimasto bloccato da un incendio a quota 1.200 metri sulle pendici del monte San Primo, in territorio di Veleso. Un elicottero li ha riportati a valle. Nel bresciano da due giorni bruciano i boschi tra Tremosine e la Valle di Ledro, sui monti che separano la sponda bresciana del Lago di Garda dal Trentino. Sono già andati in fumo oltre 60 ettari e gli inquirenti non hanno dubbi: origine dolosa.

“Stiamo facendo la nostra parte e collaborando con gli enti a tutti i livelli – afferma Simona Bordonali, assessore regionale alla Sicurezza, Protezione Civile e Immigrazione – ringrazio tutte le persone impegnate nelle attività di spegnimento”. In aiuto dei vigili del fuoco ci sono infatti 160 volontari che domani però dovrebbero tornare al lavoro. La maggior parte (72) impegnati a Campo dei Fiori. Proprio per non restare senza questo prezioso aiuto il sindaco di Varese ha fatto appello ai loro datori di lavoro. “E’ indispensabile farsi trovare pronti – ha detto Davide Galimberti – invitiamo quindi i lavoratori ad agevolare queste persone nel prestare il proprio aiuto per salvare il Campo dei Fiori”.