Riuniti a Losanna, i massimi esponenti del movimento olimpico internazionale hanno mosso i primi passi verso il riconoscimento dei videogiochi competitivi (o eSports) come vere e proprie discipline sportive.

Nel comunicato diramato al termine del vertice si legge che “gli eSports possono essere considerati un’attività sportiva, e i giocatori coinvolti si allenano e preparano con la medesima intensità degli atleti coinvolti nelle attività tradizionali“. Per essere riconosciuti come veri e propri sport dal Cio i videogiochi competitivi, come indicato nella nota, non dovranno violare i valori olimpici e dovrà essere creata un’organizzazione che garantisca il rispetto delle norme e regole del movimento olimpico, come quelle in materia di scommesse ed antidoping.

Il prossimo passo, auspicato dal vertice di Losanna, vedrà il Comitato Olimpico Internazionale e le varie federazioni sportive impegnati in incontri con i vari “attori” dell’universo dei videogiochi competivi – produttori di videogiochi, organizzazioni/team e player – al fine di cercare di costruire un percorso comune. Prima di vedere gli eSports come discipline olimpiche potrebbero passare ancora alcuni anni, ma sarà possibile vedergli già in azione a fianco degli sport tradizionali – a meno di ripensamenti – già dai prossimi Giochi d’Asia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il 25 ottobre del ’97 l’addio di Maradona, 20 anni fa l’ultima partita del Pibe de Oro

next
Articolo Successivo

Torino, Mihajlovic scatenato in conferenza stampa: “Esonero? Uno che ha fatto due guerre non ha paura”

next