Riuniti a Losanna, i massimi esponenti del movimento olimpico internazionale hanno mosso i primi passi verso il riconoscimento dei videogiochi competitivi (o eSports) come vere e proprie discipline sportive.

Nel comunicato diramato al termine del vertice si legge che “gli eSports possono essere considerati un’attività sportiva, e i giocatori coinvolti si allenano e preparano con la medesima intensità degli atleti coinvolti nelle attività tradizionali“. Per essere riconosciuti come veri e propri sport dal Cio i videogiochi competitivi, come indicato nella nota, non dovranno violare i valori olimpici e dovrà essere creata un’organizzazione che garantisca il rispetto delle norme e regole del movimento olimpico, come quelle in materia di scommesse ed antidoping.

Il prossimo passo, auspicato dal vertice di Losanna, vedrà il Comitato Olimpico Internazionale e le varie federazioni sportive impegnati in incontri con i vari “attori” dell’universo dei videogiochi competivi – produttori di videogiochi, organizzazioni/team e player – al fine di cercare di costruire un percorso comune. Prima di vedere gli eSports come discipline olimpiche potrebbero passare ancora alcuni anni, ma sarà possibile vedergli già in azione a fianco degli sport tradizionali – a meno di ripensamenti – già dai prossimi Giochi d’Asia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Anna Frank con la maglia della Roma, quanto è ipocrita il minuto di “riflessione sulla memoria della Shoah”

prev
Articolo Successivo

Torino, Mihajlovic scatenato in conferenza stampa: “Esonero? Uno che ha fatto due guerre non ha paura”

next