Il caso Bankitalia è tutt’altro che chiuso. Nel giorno in cui il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, firma il decreto di nomina di Ignazio Visco a governatore della Banca d’Italia, gli esponenti renziani del governo Gentiloni disertano la riunione del Consiglio dei ministri che ha discusso il nuovo mandato del numero uno di via Nazionale. La proposta di rinnovare per altri sei anni l’incarico di Visco era stata fatto ieri dal Paolo Gentiloni nella lettera inviata ieri al Consiglio superiore della Banca d’Italia. Una mossa che sembrava aver chiuso il caso Bankitalia, aperto dalla mozione votata dal Pd alla Camera il 17 ottobre su input di Matteo Renzi che puntava a licenziare l’attuale governatore di via Nazionale.

E invece a Palazzo Chigi, nel giorno del reincarico a Visco, erano assenti Graziano Delrio, Maria Elena Boschi, Luca Lotti e Maurizio Martina. I motivi di quello che appare come un vero e proprio boicottaggio della linea dell’esecutivo su Bankitalia sono diversi. I ministri Lotti e Martina, per esempio, erano assenti per impegni pregressi: il ministro dello Sport è impegnato oggi a Modena, mentre quello dell’Agricoltura è a Napoli alla conferenza programmatica del Pd da lui organizzata in quanto vicesegretario del partito. Sarebbero invece assenti per motivi di salute Delrio e Boschi.

L’eventuale presenza della sottosegretaria al Cdm che ha rinnovato l’incarico di Visco era finita anche al centro di un’interrogazione parlamentare presentata dal bersaniano Arturo Scotto, che chiedeva a Boschi di astenersi dal partecipare alla riunione dell’esecutivo. Il motivo? Su di lei – diceva il parlamentare di Mdp – “grava un pesante conflitto di interessi che non può essere più ignorato” considerato anche che le attività del padre Luigi, in qualità di ex vicepresidente di Banca Etruria, “sono state a lungo oggetto della vigilanza bancaria e finanziaria operata da Palazzo Koch”.

Al netto dell’eventuale rinuncia volontaria della sottosegretaria, però, a sollevare più di qualche interrogativo è stata l’assenza contemporanea di tutti i renziani dalla riunione di palazzo Chigi. “È singolare il virus improvviso che sembra aver colpito i ministri renziani doc. Una strage”, è il commento del gruppo M5s alla Camera. “La Boschi – continuano i pentastellati – conferma oggi, involontariamente, di essere in condizione di clamoroso conflitto di interessi, visti i legami familiari con Etruria. In ogni caso, il risultato complessivo è desolante: ci aspettano altri sei anni di delicatissima gestione e supervisione del settore bancario da parte di un governatore che, non solo non è all’altezza, ma che adesso risulta pure totalmente delegittimato e fiaccato dalla guerra a bassa intensità che evidentemente Renzi e i suoi hanno deciso di scatenare”.

E mentre i suoi fedelissimi marcavano visita a Palazzo Chigi, Renzi commentava la scelta fatta da Gentiloni nella giornata di ieri: quella cioè di rinnovare l’incarico al governatore che invece il segretario del Pd avrebbe voluto cacciare. “Non condivido una sua scelta, quella di Visco, ma rispetto il presidente del consiglio e le sue funzioni. E abbiamo mille battaglie da fare insieme, ancora”, ha detto Renzi presentando l’ultimo libro di Bruno Vespa. Un’occasione buona per l’ex premier per negare qualsiasi spaccatura con Gentiloni. “Il nostro è un rapporto di lunga data. L’ho difeso quando volevano estrometterlo dalle liste nel 2013, l’ho proposto ministro degli Esteri sorprendendo tanti nel novembre 2014, l’ho suggerito come presidente al mio posto nel 2016. Credo che abbia fatto bene il suo lavoro, sempre”.

Insomma il segretario del Pd continua a rispettare il copione che ha scritto: a parole manifesta vicinanza e unità d’intenti con Gentiloni, nei fatti i suoi ministri boicottano il premier nel giorno di Visco. D’altra parte l’operazione Bankitalia è stata pianificata dal segretario dem nei minimi dettagli. Quella mozione votata alla Camera per “licenziare” il governatore non era nient’altro che una manovra elettorale.

In questo modo, da qui alle elezioni, Renzi potrà replicare a qualsiasi critica sul fronte delle crisi bancarie con una rivendicazione: lui Visco voleva mandarlo a casa, ma Mattarella Gentiloni hanno detto di no. E infatti, nel giorno in cui Mattarella e Gentiloni confermano Visco, i renziani stanno a casa: un modo per smarcarsi dalla linea tenuta dall’esecutivo. E continuare a utilizzare via Nazionale come argomento da campagna elettorale. Una mossa da pokerista consumato che però ha due effetti immediati: la delegittimazione di Bankitalia e del suo governatore in Europa da parte del primo partito di governo. E poi l’isolamento di Renzi e dei suoi all’interno dello stesso Pd. Un isolamento che col boicottaggio di oggi potrebbe anche aumentare.