Altro che dialogo. Ai “corteggiamenti” di Roberto Speranza e alle aperture tentate da Mdp-Articolo Uno, Matteo Renzi ha replicato con un diktat: il Rosatellum bis non si tocca. Prendere o lasciare. “Una risposta arrogante, il Pd ha un istinto suicida. Insistere per approvare la legge elettorale così com’è significa fare un enorme regalo alla destra”, ha attaccato ai microfoni de Ilfattoquotidiano.it il deputato Alfredo D’Attorre, a margine del coordinamento del partito. Non è il solo: “La prima risposta mi è sembrata stucchevole. Noi non abbiamo fatto questa mossa per vedere a chi resta il cerino in mano, ma se il Pd insiste nella sua strada se ne assumerà la responsabilità”, ha aggiunto Nico Stumpo. Ma se dal Pd non c’è stata alcuna apertura reale, a contestare la mossa di Speranza sono stati invece Sinistra Italiana e i comitati della sinistra civica nata al Brancaccio (con Tomaso Montanari, ndr). “Ci accusano di tatticismo? No, il nostro non è tatticismo”, replicano da Mdp. E ancora: “Faremo la fine di Pisapia? Non si tratta di ridicolizzare nessuno. Noi abbiamo sempre detto che abbiamo un progetto alternativo al Pd. Ma dobbiamo avere l’ambizione di parlare a una sinistra diffusa che teme che gli errori di Renzi consegnino il Paese alla destra”, ha replicato D’Attorre. Senza modifiche alla legge elettorale, le stesse già escluse da Renzi, MDP-Articolo Uno voterà però ancora contro, pure al Senato: “Senza cambi, il Rosatellum resta un imbroglio. E voteremo No”, ha chiarito la capogruppo di Mdp Cecilia Guerra. E sulla possibile blindatura, come alla Camera, ha concluso: “C’è il rischio fiducia anche al Senato. Ancora più inaccettabile perché a Palazzo Madama il rischio di voti segreti è molto contenuto e gli emendamenti non saranno ostruzionistici”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Referendum Lombardia, Alfieri (Pd): “Indecente che dopo un giorno non ci siano i dati. Maroni chieda scusa”

prev
Articolo Successivo

Referendum per l’autonomia: pensavamo di essercene liberati, invece ritorna la fiera delle identità

next