È stato un corteo rumoroso e colorato quello che ha attraversato ieri il centro di Roma, da piazza della Repubblica a piazza Vittorio per dire che “migrare non è reato” e per dire no al decreto Orlando-Minniti. “La stampa e la politica preferiscono i predicatori d’odio. Noi oggi diamo voce ai rifugiati, ai lavoratori, a chi sta dalla parte dalla costituzione”, dice Filippo Miraglia, vicedirettore e responsabile immigrazione di Arci. “Il decreto è un brutto caso di razzismo: prevede cose non previste per nessun’altra categoria”. “In piazza oggi ci sono insieme i sindacati, tanti pezzi della Cgil, al Fiom, l’Flc, i sindacati di base, i Cobas”, dice Francesca Fornario, “dove i migranti fanno delle lotte feroci per difendere i loro diritti”. Diritti “che sono anche i nostri, come quello a un salario decente come previsto dalla Costituzione“. “Una volta si diceva no al razzismo senza se e senza ma”, aggiunge il vignettista Vauro. “Oggi la politica sposa tutti i se e tutti i ma, da cui passa la malattia del razzismo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, dopo gli sgomberi a Ventimiglia manca un centro protetto per donne e bambini

next
Articolo Successivo

Scuola, una volta su due la parola gay in classe è usata come insulto. Anche dai professori

next