Niente maggioranza, nemmeno con le larghe intese. Neanche se il Partito Democratico e Forza Italia arrivassero ad un accordo post-voto riuscirebbero a raggiungere la soglia dei 316 deputati necessari per avere la maggioranza assoluta alla Camera. Lo confermano le proiezioni elaborate da Index Research per PiazzaPulita (La7).

L’istituto di ricerca ha fotografato le intenzioni di voto degli italiani al 19 ottobre. Dai dati raccolti, il testa a testa tra Movimento 5 Stelle e Pd volge leggermente a favore del primo: il M5S che si presenterà all’appuntamento elettorale con la candidatura di Luigi Di Maio, raccoglie il 26,9% dei consensi, contro il 26% del Partito Democratico. Per quanto riguarda il centrodestra, la Lega Nord è data al 14,7%, Forza Italia al 14,3% e Fratelli d’Italia al 5%. Appena sopra la soglia di sbarramento, fissata dalla nuova legge elettorale al 3%, si piazza Mdp-Articolo 1, che ottiene il 3,2% dei voti degli italiani. Fuori dai giochi, invece, Alternativa Popolare di Angelino Alfano e Sinistra Italiana, che si fermano entrambe al 2%.

Secondo Index nessuno degli schieramenti arriverebbe ad avere la maggioranza assoluta a Montecitorio, necessaria per votare la fiducia al futuro governo. Se anche centrodestra e centrosinistra dovessero presentarsi uniti alle elezioni – considerato che il Rosatellum bis, che arriverà in aula al Senato il 24 ottobre, prevede le coalizioni – nessuno dei due raggiungere la quota dei 316 deputati. Lega (114) con Forza Italia (110) e Fratelli d’Italia (37) arriverebbero ad avere 261 eletti alla Camera, raccogliendo in totale il 35,8% dei consensi. Il centrosinistra, cioè Pd più Ap di Angelino Alfano e altre formazioni centriste, arriverebbe al 31,1% dei voti. La sinistra unita (Mdp-Articolo 1 e Sinistra Italiana) si ferma invece al 5,8%.

Secondo il sondaggio di Index, neanche un governo di larghe intese basterebbe a formare una maggioranza assoluta ed evitare situazioni di stallo. Se anche dovesse concretizzarsi l’ipotesi del cosiddetto “inciucio” tra le formazioni di Matteo Renzi e Silvio Berlusconi, i due leader non riuscirebbero a sfondare. Fermandosi, anzi, ben prima: i 181 deputati Pd, sommati ai 110 di Fi, raggiungono solo quota 291. Venticinque eletti in meno del necessario. Le proiezioni dell’istituto di ricerca non calcolano i possibili eletti nelle schiere di Alfano, perché considerano Ap sotto la soglia del 3% necessaria per entrare a Montecitorio. In ogni caso gli eventuali deputati di Alternativa Popolare eletti attraverso i collegi uninominali non cambierebbero di molto la situazione, trattandosi di un numero di rappresentanti che si può contare sulle dita di una mano.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bankitalia, Gentiloni: “I rapporti col Pd? Ottimi, ma decidiamo in autonomia”. La sinistra: “Basta chiacchiericcio, riferisca”

next
Articolo Successivo

Elezioni Sicilia, sondaggi: testa a testa Cancelleri-Musumeci: staccato Micari. Che attacca: “Così drogano il sistema”

next