Attacco frontale del leader della Lega, Matteo Salvini, al M5S e a Beppe Grillo, nel corso di Ecg Regione (Radio Cusano Campus). Il capo del Carroccio esordisce: “Grillo ha detto che sono un traditore politico peggio di Renzi e Berlusconi? Non gli rispondo, gli risponderanno i romani quando voteranno, bocciando le tante chiacchiere dei Cinque Stelle. Grillo è nervoso, perché se passa questa legge elettorale è lui che getta la maschera. Lui non vuole governare, voleva una legge elettorale totalmente proporzionale che garantisse il caos. Questa legge elettorale invece dà la possibilità a una squadra con un programma coerente di vincere e di governare”. E ribadisce: “Gli insulti di Grillo non mi toccano. Con una legge elettorale interamente proporzionale, che avrebbe garantito l’assenza di maggioranza per nessuno, Grillo avrebbe avuto la possibilità di venire a Roma a fare i suoi show, a fare casino e le sue proteste. Con questa legge elettorale invece c’è la possibilità che chi prende il 40% dei voti possa governare”. Poi racconta: “Io sono stato a Vicenza e sapete cosa ho scoperto? I grillini ultimamente facevano i leghisti sull’immigrazione e invece a Vicenza un consigliere comunale del M5S con una sua società gestiva il business dell’immigrazione all’Hotel Adele. Quindi, chiamate Di Maio e chiedetegli come mai a Roma dicono ‘stop all’immigrazione’ e a Vicenza gestiscono il business dell’immigrazione”. Salvini si concede, infine, una battuta sulla dieta: “Peso 90 kg ed essendo alto 180 cm, se perdo 4 o 5 kg, non è un problema. Non sono a dieta, non sono mai andato in palestra, non ho mai fatto una lampada. Devo solo curare un po’ l’alimentazione”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Diritto di cittadinanza, Lupi apre al Pd sullo Ius culturae: “Se i dem volessero sarebbe approvato al 100%”

prev
Articolo Successivo

Renzi, parte il treno ‘Destinazione Italia’. Disinteresse e scongiuri dei pendolari: “Ancora lui? Speriamo di no”

next