Show dei parlamentari Gian Marco Centinaio (Lega) e Ignazio La Russa (Fratelli d’Italia) a L’Aria che Tira (La7). Il dibattito ruota intorno allo Ius Soli e allo sciopero della fame a cui hanno aderito alcuni politici del Pd. La conduttrice, Myrta Merlino, mostra una foto postata dal senatore del Carroccio, immortalato mentre mangia l’insalata di riso. E ironicamente chiede: “Ma cosa mangia, il cuscus? E’ un’apertura al popolo del Maghreb?”. “No, per carità di Dio – risponde il leghista –. Che schifo”. Nasce un battibecco scherzoso tra Centinaio e La Russa, che ammonisce: “Ma perché? E’ buono il cuscus, lo fanno anche a Trapani. A me piace tanto quanto l’ossobuco e la cotoletta milanese”. “Piuttosto che mangiare il cuscus, faccio davvero lo sciopero della fame insieme a Delrio – replica il senatore della Lega –. Io dico sì alla polenta e no al cuscus. Sono lombardo e di conseguenza il cuscus non lo mangio, perché mi fa schifo”. I due politici poi irridono l’iniziativa dello sciopero della fame, prendendo di mira il direttore di Avvenire, Marco Tarquinio, che difende la legge sullo Ius Soli. “Fa anche lei lo sciopero della merendina tra un pasto e l’altro? Questo sciopero è una cosa bellissima e unica nella storia”, chiedono i due parlamentari al giornalista. “Io cerco di riempire il vuoto del colore giusto su questa questione”, risponde Tarquinio. La Russa e Centinaio continuano a deridere la protesta dem e Maria Teresa Meli, giornalista del Corriere della Sera, insorge: “E’ lo sciopero a rotazione che si fa in tutte le parti del mondo. E qui in Italia ci sono due simpatici comici, come siete voi in questo momento”. “Lo sciopero della fame ogni sei ore lo faccio anch’io, allora”, ribatte Centinaio, che definisce il ddl sulla cittadinanza “Ius Sola”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Padellaro vs Meli (Corriere): “Perché ti ecciti quando si parla di Pisapia? Stai tranquilla”

next
Articolo Successivo

Rosatellum bis, Toninelli (M5s) vs Damiano (Pd) e Fedriga (Lega): “Mi dispiace che non abbiate mai letto la Costituzione”

next