Il referendum consultivo sull’autonomia della Lombardia – che si svolgerà domenica 22 ottobre in contemporanea con quello veneto – non sembra appassionare granché i cittadini. Così viene da pensare dialogando, a due settimane dalla consultazione, con i passanti per le vie del centro di Milano. Molti non ne sanno nulla o si dichiarano poco interessati al voto. Tra coloro che hanno già deciso di votare prevalgono nettamente i . “È utile dare forza a chi tratterà con il governo per maggiori spazi di autonomia”, spiegano. Ed è importante “un ampio consenso trasversale ai partiti”. Altri sono contrari al referendum in sé “perché è uno spreco di soldi che non avrà effetti concreti”, poco più  di “uno spot elettorale della Lega”. Altri ancora voteranno No in nome del principio di unità e solidarietà nazionale. E voi come la pensate? Dite la vostra nei commenti

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cosimo Mele, morto l’ex deputato Udc. Dallo scandalo a luci rosse (e cocaina) alle accuse di doppia morale alla politica

next
Articolo Successivo

Milano, Sala lancia il referendum sulla riapertura dei Navigli. La sinistra: “Solo abbellimento, aumenta diseguaglianze”

next