Uno scooter è andato a fuoco stamani a Parigi davanti all’ufficio dell’addetto militare dell’ambasciata di Giordania. Ma, secondo la polizia francese citata dai media francesi, non c’è stato “nulla che corrisponda a un’esplosione”. Il ministero degli Esteri di Amman aveva parlato, attraverso l’agenzia Petra, dell’esplosione di una moto. La polizia francese ha confermato che un veicolo della missione diplomatica è stato “leggermente danneggiato” dalle fiamme e che non ci sono feriti. Nel comunicato diffuso dall’agenzia si precisa che l’esplosione ha causato danni lievi alle auto parcheggiate di fronte all’edificio che ospita l’ufficio dell’addetto militare giordano in Francia. Nessun impiegato della sede diplomatica è stato ferito.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Las Vegas, nella stanza del killer armi sui tappeti e nella vasca da bagno. Rimpatriata dalle Filippine la compagna

next
Articolo Successivo

Referendum Catalogna, Puigdemont: “Attueremo i risultati del voto”. E il Pp chiama in piazza a Barcellona gli unionisti

next