Tutti i Paesi dell’Unione europea introducano sistemi di reddito minimo garantito. E’ quanto chiede il Parlamento Ue in una risoluzione non legislativa che ha ricevuto il primo via libera dalla commissione Occupazione e affari sociali con 36 voti a favore, 7 contrari e quattro astensioni. Il testo dovrà ora affrontare il voto della plenaria, in programma alla fine di ottobre.

Il reddito minimo garantito è una forma di sostegno alle persone in difficoltà economica, da non confondere con il concetto di salario minimo e di reddito di base, ovvero il reddito di cittadinanza universale disposto a prescindere dalla condizione economica del singolo. La maggior parte dei Paesi Ue, sottolinea il Parlamento Ue, hanno già sistemi di reddito minimo garantito, (in Italia c’è il Sostegno all’inclusione attiva, che sarà ora sostituito dal Reddito di inclusione) ma per gli eurodeputati questi non sempre garantiscono un sostegno adeguato per chi ne ha bisogno. La commissione parlamentare ha invitato quindi tutti gli Stati membri a introdurre un reddito minimo garantito o se necessario a migliorare i sistemi esistenti.

A rilanciare il documento sono stati gli esponenti del Movimento 5 stelle in Europa. “Il rapporto”, hanno scritto oggi sul blog di Beppe Grillo, “contiene punti fondamentali che azzererebbero immediatamente la povertà in Italia: l’uso del Fondo sociale europeo per cofinanziare il reddito di cittadinanza, la creazione di un Fondo ad hoc per quei Paesi che hanno tassi di povertà insostenibili, una direttiva vincolante per tutti gli Stati membri, l’indicazione di un importo per la determinazione di questo reddito: il 60% del reddito medio nazionale. L’esperienza europea è fondamentale per implementare con le dovute coperture economiche questo progetto. In tutti gli Stati europei, tranne in Italia e Grecia, esistono misure di contrasto alla povertà”. In realtà in Italia è stato da poco approvato il reddito di inclusione, proprio tra le polemiche dei 5 stelle che nel programma di governo invocano invece l’introduzione del reddito di cittadinanza.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ius soli, sciopero della fame degli insegnanti per chiedere che la legge sia approvata

prev
Articolo Successivo

Senato, via libera al ddl per riconoscere la lingua dei segni. Ora passa alla Camera

next